Una misteriosa scoperta è stata fatta osservando la Nube di Perseo. Grazie a dei particolari mezzi, ossia il Chandra X-ray Observatory della NASA e il XMM-Newton dell’ESA, degli scienziati hanno rilevato qualcosa di davvero straordinario: ossia un segnale a raggi X proveniente proprio dalla Nube. La scoperta, davvero unica nel suo genere, sta molto facendo discutere gli esperti e, secondo le ipotesi al momento più accreditate, esso potrebbe provenire dal decadimento di neutrini sterili, ossia un elemento collegato alla materia oscura.

perseo-raggi-x-neutrini

Gli enti spaziali NASA e ESA, grazie ai loro potenti mezzi, sono riusciti a individuare qualcosa di mai visto fino ad ora. Dalla Nube di Perseo, infatti, il Chandra X-ray Observatory e il XMM-Newton hanno captato un segnale a raggi X che, secondo le prime ipotesi, potrebbe essere stato emesso dal decadimento di neutrini sterili. Il segnale a raggi X ha una potenza ben precisa, misurata come 3.56 kiloelettronvolt (keV).

Nonostante, come affermano gli scienziati, le analisi da fare sono ancora molte prima di affermare con certezza che i raggi X sono prodotti da neutrini sterili, collegati alla materia oscura, è pur vero che le alternative a questa ipotesi sono piuttosto scarse, per la conoscenza fino ad ora acquisita in materia.

Inoltre, poco tempo dopo questa scoperta, anche un altro gruppo di scienziati ha effettuato lo stesso test, ottenendo lo stesso risultato, segno che i raggi X sono reali e non un semplice fenomeno prodotto dagli strumenti usati.

Argomenti simili all'articolo che hai appena letto:

Share and Enjoy !

0Shares
0 0 0