Una parte non indifferente dei rifiuti prodotti sono formati dalla plastica. Ciò che, però, non tutti sanno, è che questo materiale non può essere riciclato al 100%: vi sono, infatti, alcuni tipi di plastiche, chiamate termoindurenti, che non possono essere riutilizzate. Almeno fino ad ora. Alcuni ricercatori hanno trovato il modo per sciogliere questo tipo di plastica per riutilizzarla, con un metodo alternativo.

plastica-termoindurente-riciclata

Al giorno d’oggi esiste molta più coscienza sociale circa i rifiuti e l’utilità del loro riciclo. Nonostante la buona volontà dei cittadini, però, vi sono alcuni tipi di materiali che non possono essere riciclati. Fino ad oggi, ad esempio, parte della plastica doveva per forza essere gettata perchè impossibile da ri-impiegare. Adesso, però, alcuni studiosi hanno scoperto come riciclare la plastica termoindurente, presente in moltissimi elettrodomestici e dispositivi elettronici.

La ragione per la quale la plastica termoindurente non poteva essere riutilizzata è che essa, dinnanzi a forti fonti di calore, non si scioglieva, rendendo, di fatto, impossibile sciogliere la plastica per rimodellarla. Degli scienziati, però, sono riusciti nell’impresa. Essi hanno messo questo materiale all’interno di un particolare acido che ne ha consentito la sua fusione.

In tal modo, dunque, anche la plastica termoindurente potrà essere sciolta e riutilizzata, riducendo, sempre di più, gli sprechi e l’inutile inquinamento del pianeta

Argomenti simili all'articolo che hai appena letto:

Share and Enjoy !

0Shares
0 0 0