Vota questo Articolo

Alcuni scienziati affermano di aver trovato il modo per identificare le origini genetiche del cacao, una scoperta che potrebbe aiutare a ridurre le manipolazioni del cioccolato. Infatti, insieme alla crescita di richiesta per cioccolato di alta qualità, cresce anche la pratica di utilizzare surrogati più economici al posto del cacao originale.

cioccolato-manipolazione

Mentre per i semi di caffè, per i cereali e per il the esistono metodi piuttosto semplici per verificare geneticamente le loro origini, il cacao appare più complicato da testare. I ricercatori dell’USDA dell’Agricultural Research Station di Greenbelt, però, hanno trovato il modo per compiere la stessa operazione anche per il cacao utilizzando delle particolari proteine che riescono a mostrare il “codice identificativo” delle diverse qualità e delle varietà ibride.

Lo studioso Dapeng Zhang, che ha effettuato numerose ricerche in questo campo in Perù per oltre una decade, ha deciso di utilizzare i semi di cacao per estrarne il DNA e identificarne la pianta di origine. Zhan ha infatti catalogato con successo diversi semi, riuscendo a trovare numerosi alberi dai quali provenivano i baccelli.

Tramite questi studi, dunque, affermano gli esperti, sarà possibile riuscire a identificare la provenienza del cacao e prevenire, nella maggior parte dei casi, che il cioccolato che arriva in commercio venga manipolato e “mischiato” con surrogati economici.

Argomenti simili all'articolo che hai appena letto: