Immaginate un rivestimento in grado di prendere istantaneamente colore di ciò che si trova dietro. Questo processo di mimetizzazione attiva esiste ed è stata sviluppata da un team di ricercatori cinesi. Quest’ultimi hanno ideato una struttura rivestita con componenti elettronici in grado di cambiare colore in una frazione di secondo, in base allo sfondo di fronte al quale si trova (ved. video).

Robot camaleonte

Ma come funziona? Come spiegato in uno studio pubblicato su ACS Nano, i ricercatori hanno stampato in 3D un modello biomeccanico di un camaleonte ricoperto di display plasmonici, in grado di sfruttare nanostrutture e campi elettrici per modificare il colore del robot con il passaggio dell’elettricità dai minuscoli (50 nanometri di larghezza) depositi d’oro situati nei display.

Per fare questo, viene applicato un campo elettrico a ciascuna delle piastrine che sono di fatto “cellule plasmoniche.” Vale a dire dei dispositivi che riflettono la luce in modo diverso a seconda del campo elettrico che gli è stato applicato. Osservate al microscopio, consistono in una struttura nanoporosa in ossido di alluminio, in cui sono depositate delle nanoparticelle d’oro. Il tutto è rivestito con uno strato di gel contenente degli ioni d’argento. L’applicazione di un campo elettrico ha l’effetto di alterare le proprietà ottiche delle particelle d’oro.

Struttura del robot

Nel loro articolo i ricercatori precisano che per il momento il processo funziona quando il robot viene posto di fronte ai tre colori primari (blu, verde e rosso). Ma l’équipe assicura che sarà facile ricostruire l’insieme della gamma di colori dell’ambiente. Si potrebbe anche coprire uno spettro più ampio di quello del visibile, dai raggi ultravioletti all’infrarosso. Questa tecnologia pensata per un uso militare potrebbe trovare delle soluzioni al fine di rendere i veicoli più discreti sui teatri operativi.

Argomenti simili all'articolo che hai appena letto: