Anche se esistono già da un po’, solamente adesso i droni hanno iniziato ad avere un largo uso in diversi aspetti delle nostre vite e delle nostre attività. Un gruppo di ricercatori statunitensi, proprio in questi ultimi tempi, sta lanciando dei droni per sorvolare le isole Hawaii così da riprendere le specie animali e la flora del luogo per tenerli sotto controllo ed effettuare, se necessario, operazioni di intervento.

droni-hawaii-studio

Un nuovo settore sta divenendo appannaggio dei droni: quello del controllo a distanza di flora e fauna in posti molto isolati e più o meno pericolosi per essere raggiunti dall’uomo. Negli Stati Uniti, dei droni verranno lanciati per esplorare 363 chilometri quadrati di Oceano Pacifico, compresa la parte nord delle isole Hawaii. Lo scopo è quello di visionare piante, acque e animali, oltre che verificare la presenza di eventuale spazzatura così da procedere ad operazioni di rimozione.

Il progetto è stato portato avanti soprattutto per permettere ai ricercatori di studiare zone del pianeta eccessivamente complicate da raggiungere via barca o via aerea. Inoltre, questi droni non infastidiranno l’ecosistema presente sulla terra e nei mari, così da non crearvi eventuali danni. Già a giugno, ad esempio, un drone chiamato Puma ha sorvolato le Hawaii per riprendere video e immagini a infrarossi delle tartarughe marine.

Argomenti simili all'articolo che hai appena letto: