Un esperimento di portata storica è stato compiuto presso i laboratori del CERN di Ginevra: la creazione dell’antimateria. Se fino ad adesso, infatti, questo elemento è stato un mistero per gli scienziati, provocando numerosi interrogativi, adesso la strada appare spianata per trovare tutte le soluzioni sempre cercate. Degli atomi di anti-idrogeno, infatti, sono stati racchiusi in un raggio.

antimateria-cern-raggio

Il risultato raggiunto presso il CERN, e riportato dal giornale Nature Communications, mostra come, finalmente, gli scienziati siano riusciti nell’effettuare una impresa inseguita da tanto tempo: produrre l’antimateria.

Per chi non lo sapesse, tutta la materia presente nell’Universo ha un contrapposto, che è l’antimateria, nella quale le particelle di un elemento hanno la stessa massa ma una carica elettrica opposta. L’interrogativo che si sono sempre posti gli scienziati è perchè, visto che al momento del Big Bang materia e antimateria sono stati prodotti in uguale quantità, ciò che oggi vediamo intorno a noi è solo la materia?

Così, per studiare meglio l’argomento, gli scienziati hanno provato a creare l’antimateria in laboratorio, cosa mai riuscita, fino ad adesso. Al CERN di Ginevra, infatti, gli studiosi sono riusciti a creare l’anti-idrogeno, ossia l’antimateria dell’atomo di idrogeno, e intrappolarlo in un raggio. La scelta è caduta proprio su questo elemento in quanto è uno degli atomi più semplice e meglio conosciuti.

I risvolti della scoperta, affermano gli esperti, potrebbe essere quella di riuscire a produrre una nuova fonte di energia.

Argomenti simili all'articolo che hai appena letto:

Share and Enjoy !

0Shares
0 0 0