Le azioni Apple hanno perso il 3,8% sul Nasdaq, giovedì 25 Settembre 2014, toccando quindi uno dei suoi più forti ribassi dall’inizio dell’anno, dopo l’annuncio delle molteplici problematiche legate all’aggiornamento iOS 8 e al Bendgate relativo al test di solidità dei suoi ultimi smartphone, iPhone 6 e iPhone 6 Plus.

Bendgate-iphone-6-plus

Gli utenti si sono lamentati di aver perso l’accesso alla rete e di non essere più in grado di utilizzare il riconoscimento delle impronte digitali subito dopo aver installato l’ultimo firmware iOS 8,  Apple ha pertanto promesso di correggere i bug con la nuova release iOS 8.0.2, rilasciata questo Venerdì 26 Settembre.

Per quel che concerne il Bendgate, iPhone 6 e iPhone 6 Plus, lanciati in pompa magna all’inizio di questo mese, risultano sensibili a flessioni permanenti in seguito al normale uso quotidiano, ad esempio se il dispositivo é portato nella tasca anteriore risulta perfino rischioso allacciarsi le scarpe.. per non parlare se portato nella tasca posteriore ci si siede…


Apple, che ha annunciato di aver venduto 10 milioni di device in soli tre giorni, ha nuovamente tentato di gettare acqua sul fuoco: “Con un uso normale, una piega di iPhone è estremamente rara e, dopo i primi sei giorni di vendita, un totale di 9 clienti hanno contattato Apple per iPhone 6 Plus piegato “, ha riferito in una mail, Trudy Muller, portavoce dell’azienda di cupertino. Ma, concettualmente occorre capire cosa intende Apple per un uso normale?

Ecco una simpaticissima video parodia del Bendgate di iPhone 6 Plus:

Caso gonfiato o meno occorre fare una considerazione, nel particolare dato il prezzo di iPhone 6 Plus che arriva oltre i 1.000 euro: cara Apple, sarebbe bene prestare più attenzione al fattore resistenza di un dispositivo di tale valore prima di buttarlo sul mercato…

Argomenti simili all'articolo che hai appena letto:

Share and Enjoy !

0Shares
0 0 0