Vota questo Articolo

In questi ultimi anni, l’amore per la natura e il rispetto per il nostro sistema sono parametri molto importanti su cui si basano le nuove scelte tecnologie. Le macchine elettriche sono l’esempio concreto che confermano questo impegno, su cui molti esperti ed ingegneri si stanno “allenando” per scoprire evoluzioni sempre più “eco”.

Nissan-Leaf

Ma questo progetto non riguarda solo questioni fondamentali, tipo l’aumento dell’autonomia delle batterie, ma anche aspetti apparentemente meno importanti. Come, per esempio, la scelta del “rumore” giusto che una vettura deve emettere al suo passaggio o l’odore più appropriato che deve emettere il veicolo. Sì, avete letto bene. Argomento di studio sono anche i profumi.

I costruttori, infatti, si stanno impegnando per regalare ai passeggeri delle auto a batteria un’esperienza olfattiva in linea con lo spirito “verde” del mezzo. George Dodd, master perfumer e ricercatore dell’Aroma Academy di Invemess in Scozia, ha scelto per la propria auto una fragranza che ricorda i profumi del bosco delle Highlands costituita da un’essenza di erbe, olio di mirto e arancia selvatica.

E questo nuovo mix olfattivo accompagnerà, molto probabilmente, le macchine a emissione zero del futuro.

Argomenti simili all'articolo che hai appena letto: