Un drone che mangia e digerisce l’erba.
Vota questo Articolo

La società americana EcoMow Technologies con sede a Fairfax, a ovest di Washington, ha inventato un drone che trasforma l’erba tagliata in biocarburante che utilizza per muoversi. Funziona tendenzialmente come un aspirapolvere domestico autonomo: passeggia da solo nella zona da pulire (in questo caso il giardino) e torna nella sua stazione di ricarica una volta che il lavoro è stato terminato o quando il livello di batteria è troppo basso.

Drone

La EcoMow ha risolto un problema ricorrente su questi tipi di dispositivi: l’obbligo di svuotare regolarmente il serbatoio dove viene immagazzinata l’erba appena tagliata. L’idea di sei imprenditori che lavorano a questo progetto è semplice: utilizzare questo materiale vegetale per produrre il biocarburante che alimenta il motore del tosaerba!

Per fare questo, il dispositivo di taglio è azionato da un piccolo motore elettrico indipendente che permette di tagliare la vegetazione nella parte anteriore (proprio come avviene in un mini mietitrebbia) e va a sostituire la grande lama rotante che si trova su un dispositivo tradizionale.

Drone in trasparenza 1Drone in trasparenza 2

L’erba tagliata viene quindi centrifugata per rimuovere le particelle indesiderate e, in una seconda fase, trasportata in un vano specifico in cui viene asciugata con un flusso di aria calda dal generatore di gas. Una volta trasformata in granuli, l’erba potrebbe essere utilizzata come combustibile.

Drone-generatore-gas

I fondatori di EcoMow Technologies promettono un prototipo per aprile 2014. Nessun prezzo è stato ancora annunciato.

Argomenti simili all'articolo che hai appena letto: