Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Molecular Psychiatry, su quasi 800 finlandesi, in carcere per crimini violenti e reati non violenti, rispetto alla popolazione generale, due geni mutati, chiamati MAOA e CDH13, sarebbero associati al loro comportamento estremamente violento. Da questo studio sembrerebbe che il gene responsabile del Crimine esista davvero…

Il gene del Crimine esiste

I ricercatori provenienti da Europa e Stati Uniti, autori di questa ricerca, riferiscono di aver preso in considerazione alcuni fattori ambientali, storie di abuso di sostanze stupefacenti (droghe, alcool …), disturbi antisociali di personalità e abusi durante l’infanzia, senza che questi cambiassero il risultato. Lo studio non è stato progettato per spiegare l’impatto delle imputazioni genetiche e, secondo gli autori, molti altri geni possono svolgere un ruolo, direttamente o indirettamente. E, fanno notare gli autori, le due versioni dei geni sono “abbastanza comuni” ad una persona su cinque, per mezzo dei quali la stragrande maggioranza non commetterà comunque mai un stupro, un’aggressione o un’omicidio…

Per i ricercatori questi risultati non dovrebbero cambiare la valutazione che si concentra sulla responsabilità penale. La statistica non può essere precisa a causa della mancanza di sensibilità e specificità per consentire uno screening preventivo.

I risultati dello studio finlandese possono essere simili in altri paesi sviluppati, ma non nei paesi poveri, dove i problemi sociali, come ad esempio la povertà, potrebbero essere i fattori più importanti nello scatenare atti criminali o delitti… In parole povere parlare di gene criminale é un’enorme esagerazione.

Argomenti simili all'articolo che hai appena letto: