Ecco cosa amano guardare i cani alla tv
5 (100%) 2 votes

Davanti a uno schermo TV, il gatto è alla ricerca di qualsiasi cambiamento delle immagini, che dimostra mettendo le zampe sullo schermo. Ma il cane? Il comportamento di questi animali davanti al televisore ha incuriosito due ricercatori britannici de l’Animal Computer Interaction Design (unità di ricerca specializzata nella progettazione di tecnologie per supporti adatti ai cani) della University of Central Lancashire.

Hanno seguito lo sguardo di questi animali davanti a uno schermo televisivo: questo ha permesso loro di constatare che i cani provano un reale interesse per il piccolo schermo. Sono stati appassionati in particolar modo da un video che mostrava i loro conspecifici. Questi stessi autori avevano pubblicato uno studio nel 2011 nel quale dichiaravano che i cani hanno delle preferenze per certi suoni provenienti dal televisore. Secondo questa ricerca, il loro interesse si sposta su dei guaiti, sulla voce di una persona che dà “gentilmente” un ordine o che fa dei complimentati a un animale e sul suono di un giocattolo che stridula.

3 secondi di concentrazione su uno schermo TV

Sulla base di questi studi, è nato un canale televisivo per i nostri amici a quattro zampe. DogTV è il primo canale i cui programmi sono stati “scientificamente sviluppati e adattati alla vista e all’udito dei cani” che vedono solo il marrone, il blu e il giallo.

Tuttavia, come ricorda il sito The Conversation in un articolo pubblicato l’8 settembre 2016, questi cani hanno delle interazioni molto brevi con gli schermi, circa 3 secondi. Pertanto, anche se a volte sono davvero affascinati da un’immagine, il più delle volte hanno lo sguardo fisso nel vuoto, quando fissano lo schermo. L’ideale per loro sarebbe una serie di immagini o delle sequenze video brevi. Tuttavia, il fatto che essi preferiscano vedere dei cani e sentire determinati rumori rivela che la televisione può effettivamente (in qualche misura) ipnotizzare i nostri compagni a quattro zampe.

Argomenti simili all'articolo che hai appena letto: