Affetta da una misteriosa malattia, starnutisce 12.000 volte al giorno
5 (100%) 7 vote[s]

Starnutisce 12.000 volte al giorno: è il calvario vissuto da più di tre settimane da Katelyn Thornley, un’americana di 12 anni. Una ventina di starnuti al minuto. La sua vita è diventata un incubo, come spiega in un’intervista accordata alla ABC7 a Los Angeles (ved. video sotto). Un fenomeno inedito che rimane – per il momento – inspiegabile.

Katelyn Thornley

Né un virus, né un’allergia

Tutto è iniziato in crescendo, con “piccoli focolai”, spiega la ragazza. Ma più tardi, queste “crisi” sono diventate molto più frequenti. Al punto di non essere in grado di andare a scuola e di suonare il clarinetto. “Vivo costantemente nel dolore. Il mio stomaco e le gambe mi fanno male perché sono debole e riesco a malapena a mangiare“, racconta la piccola. Secondo i medici che l’hanno visitata, non si tratta né di un virus, né di un’allergia.

Alcuni esperti suggeriscono che i suoi incessanti starnuti sarebbero legati allo stress perché le “crisi” si accentuano quando la ragazza è nervosa, e viceversa, diminuiscono quando è calma e rilassata. Ha un po’ di tregua la notte, quando riusce ad addormentarsi. Per questo, assume un sonnifero prima di mettersi a letto. Impotenti di fronte al problema della loro figlia, i genitori lanciano un appello sui social network: una persona con esperienza in questo settore è il benvenuto per aiutarla a tornare ad una vita normale.

La condizione della giovane ragazza è certamente un problema, ma è pericolosa per la sua salute? Alan Selvaggio, chirurgo presso l’Università di Saint Louis negli Stati Uniti spiega che il rischio di farsi male è basso e riguarda principalmente le persone con problematiche già attive.

Anche se gli scienziati conoscono nel dettaglio il meccanismo degli starnuti, le sue cause sono ancora poco chiare. Molte persone starnutiscono sempre quando sono esposte alla luce del sole, alcune durante i rapporti sessuali, altre dopo la somministrazione di anestetici per via endovenosa, senza comprendere ancora i meccanismi alla base di questo strano fenomeno.

Argomenti simili all'articolo che hai appena letto: