Nella riviera ligure, e precisamente nel sito archeologico di San Calocero, è stata ritrovata una tomba con delle ossa di una ragazzina di 13 anni, vissuta circa nel primo Medioevo, la cui posizione tende ad indicare che essa è stata sepolta a faccia in giù. La ragione di questa strana posizione pare doversi far risalire al fatto che essa era considerata pericolosa da parte della sua comunità.

tomba-strega-italia

Soprannominata la “strega”, questa ragazzina di 13 anni pare aver spaventato molto la sua comunità di origine. La tomba con le sue ossa è stata rinvenuta nell’area di San Calocero, nella riviera ligure, vicino ad una chiesa: essa si trovava a circa cinque metri sottoterra. Ciò che ha incuriosito molto gli archeologi, però, è stata la posizione nella quale è stata seppellita: essa, infatti, aveva la faccia rivolta in giù. La ragione di ciò, secondo gli esperti, è da rinvenire nel fatto che essa doveva essere “punita”, probabilmente in quanto creava una situazione di pericolo nella sua comunità.

In particolare, la faccia in giù è da far risalire al fatto che gli antichi credeva che le persone morte esalassero dalla bocca l’anima e, poiché la ragazzina era considerata “pericolosa”, non si voleva che la sua anima vagasse tra i vivi.

Argomenti simili all'articolo che hai appena letto: