In Grecia, ed esattamente nella città di Anfipoli, gli archeologi stanno riportando alla luce qualcosa di davvero maestoso. Si tratta di un monumento funebre dell’epoca di Alessandro il Magno racchiuso all’interno di mura recintarie della lunghezza di circa 490 metri. Chi si trovi seppellito all’interno della tomba non è ancora stato scoperto, anche se si pensi vi potrebbe essere Nearchus, uno degli ammiragli dell’imperatore.

tomba-alessandro-segreto

Man mano che gli archeologi scavano e puliscono pietre e lastre, l’eccitazione si fa sempre più grande. Tra qualche tempo, infatti, si potrà riportare alla luce un magnifico monumento funerario dell’epoca di Alessandro il Grande. Ciò che al momento è possibile conoscere è la maestosa entrata, un arco con a guardia due sfingi, le cui teste, fino ad ora, non sono ancora state rinvenute. La scoperta è stata fatta ad Anfipoli, in Grecia, e all’inizio del mese anche il primo ministro vi ha fatto una incursione dichiarando di trovarsi dinnanzi una scoperta estremamente importante.

Gli archeologi coinvolti dicono che bisogna avere pazienza e di procedere poco alla volta, e tra un po’ di tempo si potrà scoprire se la tomba è stata saccheggiata o no. Il monumento funebre con tutta probabilità è stato creato da Dinocrates, architetto e consigliere di Alessandro il Grande, e, con tutta probabilità, essa apparteneva all’ammiraglio Nearchus.

Argomenti simili all'articolo che hai appena letto: