Dei recenti studi portati avanti dagli scienziati del British Museum hanno svelato la presenza di un tatuaggio cristiano sulla coscia di una donna sudanese vissuta 1300 anni fa. Le analisi condotte dagli esperti sono state compiute sul corpo mummificato, e la scoperta del tatuaggio è stata possibile, in particolare, grazie a degli esami a raggi infrarossi.

 tatuaggio-mummia-cristiano

Dopo la scoperta nel sud della Siria, di manufatti a forma di bacchetta con incisi visi dalle sembianze umane, in Sudan rinvenuta mummia con tatuaggio cristiano. La salma – oramai mummificata – è stata trovata poco tempo fa durante degli scavi archeologici nel nord del Sudan, vicino il fiume Nilo. Grazie agli esami effettuati con i raggi infrarossi, gli studiosi hanno potuto rinvenire il tatuaggio cristiano sulla coscia della donna sudanese, vissuta 1300 anni fa.

Gli esperti del British Museum, che hanno compiuto ogni indagine sulla mummia, hanno affermato che il tatuaggio è di origine cristiana e, in particolare, che rappresenta un monogramma in onore dell’arcangelo Michelangelo, ha riportato il gionale The Telegraph. Gli archeologi avevano già avuto modo di osservare questa raffigurazione in mosaici presenti nelle chiese o in alcuni manufatti, ma mai come tatuaggio su un uomo.

Il significato che sta dietro al monogramma inciso sulla coscia non è chiaro, ma si pensa che sia stato fatto affinchè la donna venisse protetta dall’arcangelo. La mummia col tatuaggio sarà presto esposta al British Museum come parte della mostra intitolata “Ancient Lives: New Discoveries”.

Argomenti simili all'articolo che hai appena letto:

Share and Enjoy !

0Shares
0 0 0