Verso fine estate del 2013 furono ritrovate delle ossa sotto un parcheggio sito a Leicester (UK), dopo iniziali tentennamenti pare che adesso non vi siano più dubbi: lo scheletro appartiene a Riccardo III re d’Inghilterra, morto nel 1485. La particolare scoperta, però, sta sollevando diversi problemi a proposito degli studi che i ricercatori vogliono portare avanti e di dove il corpo dovrà esser riseppellito.

 riccardo-iii-scheletro

Grazie alla prova del DNA è stato possibile riconoscere le ossa del re d’Inghilterra Riccardo III. Il test è stato compiuto grazie alla comparazione della sequenza genetica rinvenuta nello scheletro del monarca con quella presente in una discendente di 17esima generazione di una delle sue sorelle. La scoperta è stata rinvenuta sotto un parcheggio di Leicester, tra i resti di un convento.

Nonostante l’entusiasmante scoperta pare che si stiano creando diverse controversie circa questi resti. Innanzitutto pare vi siano due schieramenti ognuno dei quali vuole che il re venga sepolto in un luogo diverso: qualcuno acclama la Cattedrale di Leicester, qualcun altro York, paese di adozione di Riccardo III.

Le polemiche, però, non finiscono qui: pare infatti che i sovrani non siano pienamente d’accordo a che vengano protratti gli studi sullo scheletro di Riccardo III, cosa voluta e pretesa dal team di ricercatori che ha riportato alla luce le ossa del sovrano.

Argomenti simili all'articolo che hai appena letto:

Share and Enjoy !

0Shares
0 0 0