Crisi economica servita a ridurre le emissioni di gas?
Vota questo Articolo

Il “pacchetto clima-energia” si propone di diminuire il 20% delle emissioni di gas a effetto serra entro il 2020, le riduzioni già osservate sono in parte causa della crisi economica. Vediamo perché.

Il servizio statistico del Ministero dello Sviluppo Sostenibile fa il punto sull’avanzamento dei paesi europei nella lotta contro i gas a effetto serra (GHG) e sulla promozione delle energie rinnovabili. Il “pacchetto clima-energia” è stato infatti adottato nel 2008 con degli obiettivi fissati per il 2020. Le cifre nel 2012, indicano che la Francia dovrebbe raggiungere il suo obiettivo di riduzione del 20% delle emissioni di gas a effetto serra, e che gli manca poco meno del 4% per raggiungere i requisiti europei. Nel 2012, sono stati emessi 478 milioni di tonnellate di CO2 contro i 551 milioni di tonnellate del 1990.

| Emissioni di gas serra ridotte dalla crisi economica

Uno studio della “mission climat” della Caisse des Dépôts et Consignations (CDC), tuttavia, modera le considerazioni. Le emissioni di gas serra sono correlate alla combustione di energia fossile e quindi all’attività economica. Inoltre, se le politiche di risparmio energetico e l’utilizzo di energie rinnovabili condotte in Francia indicano tra il 50 e il 60% di riduzione delle emissioni, il 30% è attribuibile alla crisi economica ed al declino delle attività industriali e dal 10 al 20% alla sostituzione del carbone con il gas naturale, che emette meno gas a effetto serra.

A livello europeo, 15 dei 28 paesi hanno già raggiunto il loro obiettivo, i buoni allievi sono Cipro, Slovacchia e Ungheria le cui emissioni sono al di sotto del 20% come l’Europa aveva richiesto. Tuttavia cinque paesi sono oltre al 10% del loro obiettivo: Irlanda, Belgio, Danimarca, Estonia e Lussemburgo.

| Energie rinnovabili

Per quel che concerne le energie rinnovabili tre Stati hanno già raggiunto il loro obiettivo prima del 2020: Bulgaria, Estonia e Svezia. Quest’ultima é a capo della classifica, più della metà della sua energia proviene da fonti rinnovabili…

Argomenti simili all'articolo che hai appena letto: