La notizia é rimbalzata su tutti i media il 28 settembre, trovata acqua su Marte! liquida e salata! e subito la nostra mente é corsa verso mari azzurri e torrenti ricchi di pesci… ma é stata veramente scoperta l’acqua su Marte?  Ebbene in tutta onestà no.. Vediamo insieme cosa é stato veramente scoperto.

Acqua su Marte Water on Mars

| E’ stata veramente scoperta l’acqua su Marte?

In realtà non si può affermare che é stata realmente scoperta l’acqua su Marte ma piuttosto che l’acqua scorreva su Marte in passato.. in quanto, il pianeta, con un’atmosfera così sottile e con le sue temperature, tali da non permettere all’acqua di esistere allo stato liquido se non per pochi minuti per poi subito evaporare, smentisce tale affascinante rivelazione…

Più che parlare di sensazionale scoperta, il ritrovamento della sicura presenza di sali idrati che dimostrano che deve esserci stata per forza dell’acqua liquida su Marte (nella quale erano presenti i sali), possiamo parlare di conferma.

Eravamo già a conoscenza della presenza di acqua in profondità grazie alle scansioni dei radar 3D montati sulle navicelle spaziali che hanno rilevato molteplici strati di ghiaccio. Ma allora dove sta la novità della notizia bomba uscita il 28 Settembre  2015? Ebbene risiede nel fatto che, mai prima, si erano osservati così bene i sali idrati sulla superficie del Pianeta Rosso. Si é proceduto, quindi, ad un’analisi dettagliata di questi sali che rappresentano una sorta di firma della presenza di acqua salata.

Acqua su Marte Foto

La notizia bomba della scoperta di acqua salata su Marte é quindi da considerarsi una bufala? Anche qui rispondiamo di no perché, in ogni caso, un ghiacciaio nel sottosuolo, quando si scioglie, fa fuoriuscire acqua sulla superficie e da qui la presenza di sali idrati, e quel che vien da pensare é che essendo salata con ogni probabilità resta liquida più a lungo della normale acqua dolce e quindi non é da escludere che potrebbe scorrere sulla superficie del Pianeta. Gli stessi autori dello studio derivato dalle rilevazioni degli strumenti a bordo del satellite americano Mars Reconnaissance Orbiter affermano di non aver capito l’origine dell’acqua salata anche se resta più logico, comunque, pensare allo scioglimento di un ghiacciaio…

La cosa certa é che il ritrovamento dei sali aumenta la possibilità di vita, quantomeno elementare (del tipo microbi alofili), su Marte, ma non cambia nulla dal punto di vista della possibilità di una missione umana sul Pianeta.

Argomenti simili all'articolo che hai appena letto: