Da sempre l’uomo ha osservato lo spazio con strumenti man mano più avanzati. Ad oggi, ciò che l’uomo guarda nel cielo non è solo la luce solare, ma anche le onde elettromagnetiche. Ed è proprio per esplorare meglio le particelle invisibili ad occhio nudo come i neutrini che è stato realizzato IceCube, un telescopio immerso nei ghiacci antartici che in questi giorni ha mostrato agli scienziati neutrini dalla provenienza oscura. La scoperta porta senz’altro ad una nuova era per l’astronomia, affermano gli studiosi.

neutrino-era-astronomia-icecube

I neutrini, particelle senza carica elettrica, sono, in linea di massima, prodotti dall’interazione dei raggi cosmici con tutto ciò che li circonda. Gli scienziati da sempre hanno tentato di scoprire quale fosse la sorgente di questi raggi cosmici, e studiare i neutrini potrebbe adesso aiutarli a venire a capo di questo mistero.

A novembre, in particolare, gli scienziati nella base Antartica hanno annunciato di aver scoperto neutrini cosmici grazie al grande telescopio IceCube.

Uno degli scienziati presenti presso la stazione antartica, Francis Halzen, ha affermato che adesso, proprio grazie a questo nuovo telescopio e alla scoperta effettuata, sarà possibile trovare la fonte di questi raggi cosmici, il che è una vera e propria rivoluzione per l’astronomia moderna. Continua lo scienziato, infatti, dichiarando che la nuova era dell’astronomia inizia adesso, grazie alla possibilità di non utilizzare più la luce per guardare il cielo, ma i neutrini.

Argomenti simili all'articolo che hai appena letto: