Perjeta: anticancro al seno, nuovo farmaco promettente
5 (100%) 1 vote[s]

Farmaco anticancro di nome Perjeta presentato alla conferenza annuale della Società Europea di Oncologia: si tratta di un nuovo farmaco che ha mostrato un efficacia raramente osservata prima in alcune forme di tumore al seno.

Mammografia anti cancro tumore seno

Il Perjeta, nuovo farmaco anti-cancro presentato alla conferenza annuale della Società Europea di Oncologia, domenica 28 settembre 2014,  ha mostrato un’efficacia (come abbiamo detto sopra) raramente osservata prima in alcuni tipi di tumori al seno, secondo quanto riportato nello studio della società farmaceutica Roche che lo ha sviluppato.

Perjeta Mortalità ridotta del 32%

I risultati degli studi clinici di fase III, in effetti, suggeriscono che la combinazione di Perjeta, Herceptin, un altro farmaco anticancro, e chemioterapia aumentano la sopravvivenza di 15,7 mesi sui pazienti con una forma molto aggressiva di cancro al seno, di tipo HER2, che rappresenta circa il 15% dei casi diagnosticati. I risultati corrispondono a una riduzione della mortalità del 32%.

Aggiungere al trattamento con Perjeta, l’Herceptin e la chemioterapia ha portato ad una maggiore sopravvivenza dei pazienti con carcinoma mammario metastatico HER2-positivo“, ha riferito il dottor Sandra Horning, capo della Roche che ha sviluppato il farmaco. 808 donne con cancro al seno metastatico sono stati incluse nello studio.

I pazienti che hanno testato il trattamento combinato con Perjeta hanno vissuto in media 56,5 mesi dopo la scoperta della malattia, contro i 40,8 mesi per i pazienti nel gruppo di controllo trattato solo con Herceptin combinato alla chemioterapia, secondo quanto riferito dalla Roche.

“Questi risultati sono fenomenali” spiega con entusiasmo l’oncologo a capo dello studio, Sandra Swain, dell’ospedale centrale di Washington, aggiungendo che sono “senza precedenti in altri studi di cancro della mammella. Tale allungamento del periodo di sopravvivenza, come quello osservato, è raro“.

15,7 mesi di sopravvivenza supplementare sono stati descritti come “un progresso raramente osservato prima negli studi clinici nel cancro avanzato“.

Questi risultati confermano quelli dello studio di fase II che ha portato la Food and Drug Administration (FDA) a concedere l’approvazione rapida (“fast track”), dell’uso di Perjeta. L’associazione ha inoltre autorizzato la terapia nell’Unione europea.

Se confermato, questo beneficio terapeutico sarà comunque purtroppo molto costoso. Negli Stati Uniti, l’Herceptin è stimato sui 5.300 dollari e 5.900 dollari per il Perjeta (cioè 4.170 e 4.640 euro) al mese…

Argomenti simili all'articolo che hai appena letto: