Un gruppo di Indù ha promosso una medicina alternativa che sta attirando l’attenzione di molti studiosi. Si tratta dell’utilizzo dell’urina di mucca come trattamento per numerose malattie, compreso il cancro, il diabete e la tubercolosi.

Benefici-urina-mucca

Anche se gli occidentali possono trovare questa pratica piuttosto sorprendente – se non addirittura disgustosa – l’uso terapeutico di urina di mucca ha una lunga storia in India, in particolare nella medicina ayurvedica, con un’antica tradizione di assistenza sanitaria che è praticata da almeno 5.000 anni.

Per le persone che preferiscono non bere l’urina di mucca, il Rashtriya Swayamsevak Sangh (RSS), organizzazione fondata nel 1925 da Keshav Baliram Hedgewar, un medico che vive nella regione del Maharashtra di India , ha sviluppato una bibita a base di urina di mucca chiamata Gomutra Ark, un liquido trasparente ottenuto dal processo di distillazione della stessa, promossa come alternativa “sana” alla Coca-Cola, alla Pepsi e ad altre bevande analcoliche.

Questo prodotto è stato studiato da diversi gruppi di ricercatori. Uno studio pubblicato nel 2012 sulla rivista “Ancient Science of Life” ha rilevato che alcuni ratti con diabete, alimentati con la Gomutra Ark, risultavano avere nel sangue livelli di glucosio significativamente più bassi rispetto ai ratti a cui non era stata somministrata questa bevanda, evidenziando così un “alto indice terapeutico”. Inoltre, uno studio pubblicato nel 2013 sull’International Journal of Urology ha affermato che l’urina di mucca distillata potrebbe aiutare a prevenire anche lo sviluppo di calcoli renali.

C’è ovviamente molto scetticismo in merito a questa medicina alternativa: chi la promuove e chi invece ritiene sia una sorta di “perditempo” che non porta a nulla. Bisognerà aspettare che vengano effettuati ulteriori studi per verificarne l’efficacia di questo prodotto come terapia per la cura di importanti malattie.

Argomenti simili all'articolo che hai appena letto: