Nel corso dei mesi estivi gran parte degli italiani trascorre numerose ore al sole, arrivando a volte a esporsi anche per 10 ore al giorno. Quello che sembra essere un comportamento apparentemente innocuo nasconde però alcune serie minacce per la nostra salute, in particolare per quella della nostra pelle.

pelle-al-sole-pericoli

Infatti un eccessiva esposizione ai raggi UV, soprattutto in determinate ore del giorno, può provocare diversi tipi di danni alla pelle: si passa da quelli meno gravi, ma pur sempre fastidiosi, come scottature ed eritemi fino ad arrivare a patologie molto gravi come il melanoma, il tumore della pelle che in Italia colpisce 277 persone ogni 100.000 abitanti, con più di 12.000 nuovi casi registrati ogni anno.

Per difendere la propria cute dagli effetti dannosi delle radiazioni solari occorre prendere delle precauzioni e dotarsi di strumenti in grado di aiutarci a esporci in modo corretto. Ancora una volta è la tecnologia a venire in nostro soccorso e nello specifico un’applicazione per smartphone tutta italiana: parliamo di HappySun, un app gratuita rilasciata dall’azienda livornese Flyby.

HappySun_logo-2

Grazie all’idea avuta dal team italiano, esperto di tecnologie satellitari, è possibile avere a portata di mano i dati sul livello dei raggi UV ottenuti direttamente dai satelliti. Quindi in qualsiasi luogo ci si trovi, sia in Italia che in Europa, è possibile verificare costantemente la quantità di radiazioni alla quale si espone la propria pelle. Oltre alla funzione di monitoraggio, HappySun agisce come un vero e proprio “dosimetro solare”, ovvero suggerisce all’utente qual è la giusta durata di esposizione al sole in base a parametri come il fototipo, la superficie di esposizione e il tipo di protezione solare utilizzata.

fototipo-01

Per facilitare l’utilizzo dell’applicazione quando ci si trova al mare e ci si vuole rilassare, è previsto anche un avviso sonoro che informa l’utente che è arrivato il momento di interrompere l’esposizione e di spostarsi all’ombra: in questo modo non è necessario controllare continuamente il timer, poiché l’app ci avvisa quando il nostro tempo al sole è scaduto.

Argomenti simili all'articolo che hai appena letto: