Vota questo Articolo

Il 12 giugno 2009, la Stazione Spaziale Internazionale si trovava a passare sopra il vulcano Sarychev proprio mentre cominciava le fasi di eruzione. Un video straordinario, reso pubblico da poco, rivela gli scatti mozzafiato immortalati dagli astronauti che mostrano la bellezza e la potenza del vulcano in eruzione.

Vulcano-in-eruzione

Sarychev Peak sorge ad un’altezza di 4.908 piedi (circa 1.500 metri) ed è la vetta più alta dell’isola di Matua nella parte settentrionale delle isole Curili, un arcipelago russo nel nord-ovest dell’Oceano Pacifico.

Il video mostra un “pennacchio di cenere” di colore marrone sormontato da una nuvola di vapore bianco che si innalza dal cratere del vulcano Sarychev. Gli scienziati non riescono a capire cosa possa aver causato il foro circolare da cui fuoriesce la nuvola bianca e, di conseguenza, a tal proposito, si sono susseguite una serie di ipotesi. Una prima interpretazione dice che si tratta di una semplice coincidenza e che non ha nulla a che fare con il processo classico di eruzione. Altri invece affermano che questo foro potrebbe essere stato causato dall’onda d’urto provocata dall’eruzione del vulcano che ha spinto l’atmosfera sovrastante verso l’alto creando un vortice nel cui centro sono evaporate le nuvole. Gli esperti continuano a studiare questo strano fenomeno per poter stabilire un soluzione definitiva.

Le foto satellitari hanno rivelato anche le conseguenze dell’eruzione. Secondo la NASA Earth Observatory, l’organizzazione che cura le pubblicazioni online della NASA, le immagini scattate nel 2007 e dopo l’eruzione del 30 giugno 2009 mostrano evidenti differenze. Prima la vegetazione copriva gran parte dell’isola, mentre adesso è visibile un tappeto di cenere e di flusso piroclastico, costituito da frammenti di rocce e gas, che coprono parte della zona nord-occidentale dell’isola.

Segue una splendida galleria di foto che potete ingrandire con un semplice click del vulcano in eruzione:

Argomenti simili all'articolo che hai appena letto: