Nelle megalopoli cinesi i bambini non sanno che il cielo è blu
5 (100%) 1 vote[s]

Hubert Reeves, il famoso astrofisico canadese, é intervenuto all’Eliseo relativamente ad una conferenza ambientale, egli ha sottolineato l’urgente necessità di lavorare in modo efficace contro il cambiamento climatico.

Hubert Reeves Nelle megalopoli cinesi i bambini non sanno che il cielo e blu

Invitato da Ségolène Royal – il Ministero dell’Ecologia francese che ha organizzato l’evento – il famoso astrofisico Hubert Reeves intervenuto ha lanciato un messaggio chiaro: non ci si deve “limitare a strette di mano” é ora di prendere le decisioni necessarie per fare in modo che il “Pianeta Terra non diventi inabitabile.”

L’autore di “Stardust” è tornato al suo impegno personale, evidenziando il timore per il mondo in cui i suoi nipoti cresceranno. Il silenzio si è fatto pesante, nella sala dedicata dell’Eliseo, quando Reeves ha parlato delle megalopoli cinesi schiacciate dall’inquinamento e dove “i bambini non sanno nemmeno che il cielo è blu…

Siamo di fronte ad una battaglia tra due forze opposte: il deterioramento del pianeta e i progetti di restauro nel mondo. Si tratta di due forze opposte che crescono entrambe, la questione che si pone ora è chi vincerà … Nessuno lo sa…

Di qui il suo appello ai politici, esortandoli a prendere le iniziative necessarie al margine della conferenza di Parigi, nel 2015. Dopo Jean Monnet, uno dei padri dell’Europa, Hubert ha concluso il suo intervento, citando l’ex leader russo Mikhail Gorbaciov: “E’ in questione niente di meno che il destino del genere umano“.

Argomenti simili all'articolo che hai appena letto: