Un recente¬†studio dimostra l’impatto negativo dell’inquinamento acustico marino sulla sopravvivenza delle anguille. Nelle ultime settimane diverse pubblicazioni hanno riportato l’impatto negativo¬†del rumore delle navi sulle creature marine…

inquinamento.acustico-marino-navi

A lungo ignorato, l’impatto dell’inquinamento acustico marino comincia ad essere studiato con maggiore interesse. Le sue conseguenze, a volte sorprendenti, sono oggetto di diversi articoli sulle¬†riviste di settore e le prove raccolte iniziano a diventare consistenti. Questo tipo di inquinamento √© sempre pi√Ļ invasivo e deleterio, secondo lo studio pubblicato sulla rivista Global Change Biology dai ricercatori delle Universit√† di Exeter e di Bristol (Regno Unito) √© dimostrato che le anguille sono esposte al rumore delle¬†navi ed hanno sempre pi√Ļ difficolt√† a reagire ad un attacco predatore…

Pertanto, del¬†50% dei campioni studiati, ben il 25% hanno un tempo di reazione pi√Ļ lungo. “I nostri risultati dimostrano che gli eventi acustici acuti, come il suono di una nave di passaggio, possono avere gravi effetti sugli animali“, dichiara¬†Steve Simpson, un biologo marino e autore principale dello studio.

Per capire cosa pu√≤ causare questa perdita di comportamento critico nella difesa contro i predatori, i ricercatori hanno osservato una variet√† di parametri fisiologici. Essi hanno scoperto che l’anguilla esposta al¬†rumore del motore √© sottoposta a forte stress¬†che si manifesta con un aumento della frequenza respiratoria e metabolismo accelerato

Gli scienziati hanno poi aggiunto: “In questo studio ci siamo concentrati sulla risposta delle¬†anguille ai predatori. Ma il fatto che siano¬†fisiologicamente colpiti dal rumore suggerisce che anche altre funzioni come il mangiare¬†ed i viaggi sono¬†anch’esse disturbate“.

L’anguilla ha¬†visto il suo numero cadere¬†di quasi il 90% negli ultimi venti anni. La specie √® classificata in pericolo di estinzione dall’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN).

Argomenti simili all'articolo che hai appena letto:

Share and Enjoy !

0Shares
0 0 0