Lunedì 6 aprile, 2015 il governo indiano ha lanciato una nuova analisi della qualità dell’aria verificata in dieci grandi città, tra cui New Delhi, la capitale più inquinata del mondo secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). “L’indice della qualità dell’aria potrebbe dare una spinta importante al fine di migliorare il tasso di contaminazione nelle aree urbane perché, di conseguenza, aumenterà la consapevolezza del pubblico della necessità di attenuare l’inquinamento atmosferico” ha detto il ministro dell’Ambiente Prakash Javadekar in una conferenza. Il sito internet del governamento che include il nuovo indice è consultabile a questo indirizzo.

New Delhi Inquinamento

Il ministro non ha dato alcuna indicazione su come intenderà migliorare la qualità dell’aria respirata da milioni di indiani, ma si è limitato ad annunciare una nuova regolamentazione per i rifiuti dei cantieri di costruzione. Il gas di scarico di milioni di automobili, aggiunti alle polveri dei cantieri edili e ai rifiuti industriali formano un cocktail nocivo per i polmoni degli abitanti delle principali città indiane. combinazione tossica

Secondo uno studio congiunto della Effects Health Institute con sede a Boston e dell’Istituto Energy Resources di Nuova Delhi, almeno 3.000 persone muoiono prematuramente ogni anno a New Delhi a causa della forte esposizione all’aria inquinata. In base ad una classifica dell’OMS redatta lo scorso anno su 1.600 città, Delhi ha il più alto grado di concentrazione di microparticelle PM2.5, superiore a Pechino. Queste particelle finissime penetrano in profondità nei polmoni e passano nel sangue, aumentando il rischio di bronchite cronica, cancro ai polmoni e malattie cardiache.

L’India ha contestato le conclusioni dell’OMS pur riconoscendo che la qualità dell’aria a Delhi è paragonabile a quella di Pechino, capitale notoriamente inquinata. Secondo l’indice di qualità dell’aria diffuso dall’Ambasciata americana a Nuova Delhi, lunedì 6 aprile il risultato del PM2.5 era di 175, un dato decisamente nocivo per la salute. Molto meglio a Pechino con 53.

Il nuovo dato pubblicato dal governo riguarda le città di Delhi, Agra, Kanpur, Lucknow, Varanasi, Faridabad, Ahmedabad, Chennai, Bangalore e Hyderabad, che dispongono di stazioni di controllo e saranno dotate di pannelli che mostrano costantemente  l’indice di qualità dell’aria. L’obiettivo futuro è quello di coprire 66 città.

Argomenti simili all'articolo che hai appena letto: