Se un gemello ha un tumore, anche l’altro rischia di averlo
5 (100%) 1 vote[s]

Un importante studio pubblicato il 5 gennaio 2016 dimostra che se un gemello sviluppa il cancro, il rischio che anche l’altro ne sia affetto aumenta in modo significativo. Questo lavoro, apparso sul Journal of the American Medical Association (JAMA), indica anche che alcuni gemelli sviluppano spesso dei tipi di tumore differenti. I ricercatori della Harvard School of Public Health e della University of Southern Denmark e Helsinki suggeriscono ainsi que che in alcune famiglie vi è un aumento del rischio condiviso da tutti i membri.

Per questo studio, gli autori hanno esaminato le cartelle cliniche di più di 200.000 coppie di gemelli identici (monozigoti, “veri” gemelli) e fraterni (dizigoti, “falsi” gemelli) in Danimarca, in Finlandia, in Norvegia e in Svezia, seguiti da oltre 30 anni, fino al 2010. Lo studio è ainsi il più grande condotto sui gemelli e cancro.

Un rischio maggiore del 46% nei gemelli monozigoti

Su 3.316 coppie è stato diagnosticato un cancro in entrambi i gemelli. Il tumore era simile nel 38% dei “veri” gemelli e nel 26% dei gemelli fraterni. I ricercatori hanno verificato che quando a uno dei due gemelli dizigoti viene diagnosticato un cancro, il fratello gemello ha un aumento del rischio del 37% di sviluppare un tumore canceroso. Un rischio ancora più elevato tra i gemelli identici, poiché in questo caso aumenta del 46%. Il cancro dei testicoli ha rappresentato il più grande rischio per queste famiglie: è 12 volte più alto per i “falsi” gemelli e 28 volte maggiore per i “veri” gemelli.

Poiché i gemelli sono geneticamente simili – ma non identici – agli altri fratelli e sorelle, questo studio suggerisce anche un aumento del rischio di cancro nelle famiglie in cui uno dei membri della fratrie sviluppa la malattia. Lo studio indica inoltre che il rischio di ereditabilità del cancro è globalmente del 33%, di cui il 58% per il melanoma – la più grave forma di tumore della pelle – il 57% per il cancro alla prostata, il 39% per il tumore ovarico, il 38% per il tumore ai reni e il 31% per quello al seno.

Argomenti simili all'articolo che hai appena letto: