Quali sono le 10 nuove malattie del futuro?
4.7 (93.33%) 3 vote[s]

La nomofobia designa l’eccessivo timore di non essere in grado di usare il proprio telefono cellulare, la paura incontrollata di rimanere sconnessi dal contatto, provocando un intenso stress. Oggi soffriamo di malattie che non esistevano in passato. Infatti, sempre più medici mettono in guardia i loro pazienti contro la tensione dolorosa al collo provocata dall’uso eccessivo e intenso dello smartphone (che lo si guarda in media 150 volte al giorno).

Con l’evoluzione tecnologica, climatica e sociale, appariranno sempre più problematiche legate ai nuovi cambiamenti. Esse saranno collegate non solo alle nuove tecnologie, ma anche alle variazioni degli stipendi e dello stile di vita.

1. BINARISMO

O funzionamento cognitivo binario.

I computer hanno un’operazione binaria. A forza di passare il tempo davanti un computer, le persone soffrono di un’informatizzazione della loro personalità. I loro argomenti sono limitati a risposte binarie: sì/no, continuare/annullare, aprire/chiudere… Questo eccessivo razionalismo dà loro l’impressione di essere delle macchine.

2. ZOMBICHISMO

La sindrome degli individui presenti fisicamente e assenti mentalmente.

L’individuo affetto da  zombichismo presenta una schizofrenia esistenziale. Egli non è in grado di comunicare con le persone presenti in una stanza. Può solo interagire con coloro che sono a distanza.

3. ROBOFOBIA

La fobia dei robot

Vista la proliferazione dei robot, le persone sviluppano delle fobie. Essi temono che queste macchine gli impediscano di vivere rubando loro lavoro o occupando il loro posto. La robofia spesso è caratterizzata da comportamenti violenti nei confronti di tutti gli oggetti autonomi.

4. ZAPPITE

Crisi di noia causata dall’assenza di sollecitazioni.

Internet ha generato uno zapping permanente. Grazie a collegamenti ipertestuali, ci si sposta da un sito ad un altro, da un argomento all’altro. Questi continui click sono diventati la nuova droga. Quando non si effettuano, se ne sente la mancanza. Essa si traduce attraverso delle crisi di noia spesso molto violente e distruttive.

5. AUGMENTALISMO

Delle psicosi legate a l’impressione di non essere “abbastanza”.

Alcuni individui hanno l’impressione di non essere mai abbastanza intelligenti, forti, giovani… Queste insoddisfazioni diventano delle psicosi che possono immergere i malati in una grave  sottovalutazione di se stessi.

6. METALLISMO

Reazioni agli impianti e alle protesi.

Allergie, infiammazioni, dolori, cortocircuiti, intossicazioni… Alcuni disturbi sono associati al malfunzionamento degli impianti e delle protesi. Questa introduzione di metallo nel corpo può causare gravi infezioni.

7. DEMANITE

Una disfunzione dei nano medicamenti

I nano medicamenti superano le barriere fisiologiche per portare con forza il farmaco al centro della cellula malata e bloccare la crescita del tumore. Se la soluzione non è perfetta, si possono verificare effetti chimici indesiderati. Questo errore causa uno shock anafilattico con conseguenze drammatiche.

8. GENICA

Una patologia successiva alla terapia genica.

Per eliminare il rischio di malattie legate alla disfunzione dei geni, viene eseguita la terapia genica. Con questa tecnica, i geni o frammenti di questi vengono inseriti nel corpo umano con lo scopo di prevenire, trattare o curare una malattia. In alcuni casi, l’eliminazione di un gene fa apparire delle patologie tanto inaspettate cquanto gravi.

9. CRIOGENESI

Un disturbo di integrazione dopo la crioconservazione.

La criogenia è una branca della fisica che si occupa dello studio, della produzione e dell’utilizzo di temperature molto basse (sotto i -150 °C o 123 K). Quando riusciremo a ibernare il nostro corpo e ci risveglieremo magari in un altro millennio, avremmo difficoltà ad adattarci. Probabilmente per imparare una nuova lingua e per le regole di un’altra epoca.

10. ETERNITA’

La depressione della longevità.

Grazie agli studi dei ricercatori, si arriverà a vivere più a lungo. Questa estensione della vita però non è adatta a tutti. Aumenta sempre più il numero delle persone che si stancano della loro esistenza, cadendo in una depressione eterna!

Argomenti simili all'articolo che hai appena letto: