Può essere rivelato il sesso di un bambino dalla forma della testa?
Vota questo Articolo

Spesso i genitori muoiono dalla voglia di conoscere il sesso del loro bambino prima della nascita che, in genere, lo si può scoprire con un’ecografia effettuata a 20 settimane. Ma se il bambino non fornisce una chiara posizione frontale – o se i genitori non vogliono aspettare le 20 settimane – qualsiasi tipo di storia, che prometta di dare una risposta a questa curiosità, non viene esclusa!

Ecografia

Una delle tante supposizioni è la “teoria del cranio“, che prende in considerazione la forma della testa del feto per poterne identificare il sesso. Questa tesi sostiene che i maschietti presentano tendenzialmente una forma del cranio più grande, mentre la testa delle femminucce appare più rotonda.

E’ d’obbligo sottolineare che la teoria del cranio è solo un gioco divertente. Ad oggi, infatti, non c’è modo “ufficiale” di verificare il sesso di un feto dalla forma del cranio fornita da un’ecografia granulosa.

Kristina Killgrove, bioarcheologo presso l’Università di West Florida ha dichiarato che la teoria del cranio non ha senso. Antropologi e archeologi possono, infatti, determinare, e non sempre, la differenza tra maschio adulto e teschi femminili. Ma gli scheletri dei neonati e delle neonate non sembrano così diversi tra loro.

Argomenti simili all'articolo che hai appena letto: