E’ noto come ogni aspetto della pubblicità sia ben studiato. Nulla è, infatti, lasciato al caso quando si tratta di vendere un prodotto. Adesso, dei nuovi studi hanno preso di mira le confezioni dei cereali per bambini e le mascotte che solitamente esse riportano in confezione, notando come i personaggi che rappresentano un prodotto tendono a guardare negli occhi i bambini producendo, quale conseguenza, una maggiore vendita del brand.

 cereali-bambini-mascotte

Secondo recenti studi portati avanti da Cornell Food e Brand Lab su 86 mascotte di cereali e 10 supermercati di New York e del Connecticut, è stato possibile notare che tutti i personaggi presenti nelle confezioni di cereali avevano un dato in comune, ossia il fatto che essi ricercassero il contatto visivo con il bambino. Come riportato dalle ricerche, infatti, i cereali per bambini sono posti negli scaffali che distano 58 cm da terra, mentre quelli per adulti negli scaffali a 122 cm, e, inoltre, le confezioni riportano delle mascotte il cui sguardo ha un angolo di 9.6 gradi verso il basso, il che implica che il personaggio riesce a catturare lo sguardo del bambino.

Cercare il contatto visivo, affermano gli esperti, è importante: questo, infatti, permette di ispirare fiducia nel consumatore nonché di creare una sorta di empatia tra la mascotte della confezione – solitamente un animale – e il bambino, che si sentirà più propenso a scegliere quel prodotto.

Argomenti simili all'articolo che hai appena letto: