Avere un grande cervello non rende più intelligenti
5 (100%) 8 vote[s]

Uno studio scientifico internazionale coordinato dall’Università di Vienna e pubblicato sulla rivista Neuroscience & Biobehavioral Reviews ha scoperto che l’intelligenza umana non è strettamente correlata alle dimensioni del suo cervello. Secondo i risultati di questo studio, gli scienziati hanno finora “sopravvalutato” il legame supposto tra la dimensione del cervello e le prestazioni intellettuali dell’essere umano, ha spiegato mercoledì 14 ottobre 2015 Jacob Pietschnig, ricercatore in scienze cognitive presso l’Università di Vienna, all’agenzia di stampa austriaca APA.

Molto più determinante sul livello di intelligenza appare, al contrario, il layout della corteccia, del mesencefalo o cervello medio – e del cervelletto, così che il buon collegamento della materia bianca e della materia grigia, molto più importante della dimensione della massa cerebrale in sé.

Mr. Pietschnig e il suo team sono arrivati a questa conclusione facendo la sintesi di 88 studi in materia, applicati su più di 8.000 casi.

Un’altra osservazione di questa ricerca è che gli uomini, anche se generalmente hanno cervelli più grandi rispetto alle donne, non hanno mostrato delle capacità cognitive più avanzate rispetto a quelle del sesso femminile.

Inoltre il signor Pietschnig sottolinea che dei partecipanti allo studio dotati di un cervello abnorme, nei test d’intelligenza hanno ottenuto dei risultati sotto la media. L’importanza della struttura del cervello, aggiunge, è illustrata anche in alcuni animali dotati di un grande cervello, senza essere conosciuti per essere grandi “intellettuali”, come il capodoglio e il suo encefalo di nove chili.

Argomenti simili all'articolo che hai appena letto: