In parole povere i cristalli di ghiaccio che compongono i fiocchi di neve non sono del tutto trasparenti, quindi non sono proprio chiari. Possiamo tranquillamente affermare che in realtà sono traslucidi, il che significa che quando la luce passa attraverso il ghiaccio, il suo percorso viene leggermente modificato: vediamo perché la neve é bianca.

la_neve_bianca

La Neve, naturalmente, non è composta da un solo cristallo di ghiaccio ma, al contrario, da un gran numero di cristalli attaccati gli uni agli altri, quando la luce passa attraverso un cristallo di neve, cambia direzione e passa di conseguenza in un nuovo cristallo, successivamente cambia ancora una volta la direzione. Questo processo accade più e più volte, in tutte le diverse frequenze di luce, fino a quando la stessa viene riflessa indietro. La luce è costituita da diverse frequenze, che compongono l’intero spettro di colori. Il colore che si svela quando vediamo tutte le frequenze dello spettro visibile combinato in pari quantità è il bianco.

Il colore bianco è ottenuto sommando tutti i colori

Il colore bianco è ottenuto sommando tutti i colori

Riassumendo: quando la luce colpisce la neve, viene deviata dalle sfaccettature dei cristalli, gli stessi hanno la proprietà di riflettere la luce senza assorbirla, esattamente come uno specchio, ma a differenza di uno specchio, che è liscio, le sfaccettature dei cristalli riflettono i colori in tutte le direzioni, e la miscela di tutti i colori dà colore bianco. Ecco perché la neve é bianca!

Argomenti simili all'articolo che hai appena letto: