Il Sole è una stella posta al centro del nostro sistema solare ed è 109 volte più grande del pianeta Terra. Questa stella è la sede di reazioni termonucleari che generano una grande quantità di energia. Le protuberanze solari sono giganteschi getti di plasma e nubi di gas che dalla cromosfera del Sole, sotto la spinta dei campi magnetici, si protendono nella corona, fino ad altezze che a volte superano i 500.000 km, allontanandosi della superficie solare per migliaia di chilometri. Possono essere osservate anche a occhio nudo, durante le eclissi totali di Sole, come strutture brillanti immerse nella corona.

Pretuberanza solare

Esistono 3 tipi di protuberanze:

– Le protuberanze “quiescenti”: archi di materiale che si estendono ben dentro la corona, il cui confine con la cromosfera viene collocato intorno a 3000 km di altezza sulla fotosfera. La sua durata può variare da alcuni giorni a 7-8 mesi (in media, ∼3 mesi)
– Le protuberanze “attive” di durata di vita più brevi. Esse sono più basse e più veloci.

Sole
– Le protuberanze “eruttive”: danno luogo a improvvise eruzioni che si alzano fino all’alta corona o anche oltre (diversi milioni di chilometri). Sono in generale più piccole delle quiescenti, mostrano frequenti variazioni di brillanza, durano solo qualche ora e sono estremamente rapide, infatti la loro velocità può raggiungere migliaia di chilometri al secondo (50-1000 km/sec).

Le reazioni nucleari nel Sole producono una grande quantità di particelle caricate elettricamente che producono un forte flusso magnetico in interazione con la materia.

Argomenti simili all'articolo che hai appena letto: