Perchè alcune vongole emanano luce?
Vota questo Articolo

Tra le vongole esiste una particolare specie, la Ctenoides Ales, che ha una caratteristica davvero speciale: quella di emanare della luce. Se, però, fino ad ora si era sempre pensato che essa fosse originata da una bioluminescenza del mollusco, adesso, nuovi studi hanno scoperto che, in realtà, essa proviene da alcune sfere di silice che si trovano sulla superficie e che riflettono la luce naturale.

vongola-luce-perche

In natura ci sono molti fenomeni davvero particolari, come quella della Ctenoides Ales, una sorta di vongola che emana della luce dalla profondità dei mari. Fino ad ora, questa luce era stata associata a un fenomeno già noto nel mondo naturale, quello della bioluminescenza. Alcuni animali, come i polpi o il placton, infatti, sono capaci di emettere luce a causa di una particolare componente che, a contatto con l’ossigeno, sprigiona luminosità. Le vongole della specie Ctenoides Ales, invece, non posseggono questa particolare particella, per cui, la luce che emette, non è qualcosa di originario, bensì, è causata da un riflesso di quella naturale.

La superficie della vongola, infatti, è piena di piccolissime sfere di silice che riflettono la luce naturale. Queste sfere sono davvero piccole, misurano, infatti, appena 340 nanometri, e, secondo particolari studi, esse sono in grado di riflettere in particolar modo le lunghezze d’onda del colore blu.

Argomenti simili all'articolo che hai appena letto: