VIDEO: Australia, muore uomo attaccato da uno squalo bianco
3.7 (74%) 10 votes

Avevamo visto in un articolo precedente che uno squalo bianco di 5 metri, nominato Joan of Shark, minacciava le coste australiane, é stata da poco battuta la triste notizia che un uomo, pare un surfista, è stato ucciso Martedì nei pressi di una popolare spiaggia dell’Australia orientale, Byron Bay, sotto gli occhi della moglie, dopo essere stato morso ad una gamba da un enorme squalo bianco.

Australia-surfista-muore-attaccato-squalo-bianco

Non sappiamo se si tratta dello stesso esemplare dell’articolo citato sopra, quindi Joan of Shark, in quanto le informazioni sono poche, ma quel che sappiamo di certo é che gli attacchi di questi squali sono devastanti e nella maggior parte dei casi, purtroppo, letali…

La povera vittima, di età sulla cinquantina, è stata individuata galleggiante in acqua con un evidente morso alla gamba, a Byron Bay, una popolare località turistica nello stato australiano di New South Wales. Altri bagnanti hanno portato il surfista a riva ha riferito un portavoce dei servizi di emergenza. Un medico che era sulla spiaggia al momento della tragedia ha cercato invano di salvare il bagnante. La polizia, ha evidenziato che la povera moglie stava guardando il marito dalla spiaggia quando si è verificato l’attacco dell’enorme squalo bianco

Un grande squalo bianco è stato avvistato, infatti, nella zona poco dopo. Le spiagge sono state immediatamente chiuse, e le autorità hanno cercato di spingere lo squalo, che continuava ad aggirarsi nei pressi probabilmente alla ricerca della sua preda ferita, al largo con elicotteri e moto d’acqua.

Australia-surfista-muore-attaccato-squalo-bianco-2

Mark Hickey, 52 anni, uno dei bagnanti soccorritori, ha riferito alla stampa locale di aver visto uno squalo lungo circa 4-5 metri ed ha aggiunto “Ho visto quelle che sembravano alghe in acqua, ma in realtà era sangue, lo squalo è tornato alla carica per attaccare la vittima, non sapevo che la vittima fosse un uomo, ma quando ho capito la situazione, ho nuotato verso di lui, l’ho portato a riva ed ho praticato il primo soccorso, ma purtroppo era troppo tardi“.

Argomenti simili all'articolo che hai appena letto: