Trovati in Cile dozzine di scheletri appartenenti all’ittiosauro
Vota questo Articolo

Dozzine di scheletri quasi interi appartenenti a una sorta di rettile marino vissuto nella preistoria sono stati rinvenuti vicino un ghiacciaio sciolto nella costa sud del Cile. Si tratta, in particolare, di 46 specie appartenenti ad una razza scomparsa, l’ittiosauro, anche chiamato pesce lucertola, il quale presentava un corpo allungato con pinne e un lungo muso, molto simile a un delfino.

ittiosauro-scheletri-ritrovati

L’ittiosauro è vissuto nell’era Mesozoica, dai 245 ai 90 milioni di anni fa, ed è un pesce rettile che assomiglierebbe, oggi, a un delfino, ma dall’aspetto molto meno “simpatico”: lo scheletro più grande rinvenuto, infatti, misura oltre i 5 metri. I reperti ritrovati vicino un disciolto ghiacciaio del Cile appartengono sia a esemplari adulti che embrionali e, dicono gli esperti, molti degli scheletri ritrovati sono in condizioni quasi perfette: in particolare, infatti, questi animali saranno morti a causa di una catastrofica colata di fango che, però, ha permesso ai loro corpi di rimanere intrappolati nel fondo dei mari e, successivamente, in un ghiacciaio, così che, ad oggi, i loro scheletri sono quasi integri.

Affermano gli esperti che questi ritrovamenti sono davvero inusuali per quell’area geografica: non molti reperti di antichi rettili, infatti, sono stati rinvenuti in Sud America prima di ora, solo qualche gabbia toracica e delle vertebre.

Argomenti simili all'articolo che hai appena letto: