Nulla sostituisce l’effetto calmante e di tranquillità che offre un abbraccio amichevole, o una semplice carezza tra madre e figlio. Si tratta di un comportamento umano di comunione normale, d’affetto e di rafforzamento di un legame. Ma per i cani e altri animali domestici che fanno, anche loro, parte della famiglia, essere preso in “trappola” da un essere umano è più stressante di quanto sembri.

Stanley Coren, un neuropsicologo americano e famoso specialista canino, ha mostrato su Psychology Today che 4 cani su 5 mostrano segni di stress quando sono coccolati da una persona, familiare o sconosciuto. Più precisamente, dopo aver osservato più di 250 immagini di cani coccolati, ha constatato che l’81,6% di questi animali sono stressati, mentre solo il 7,6% si gode paciosamente l’abbraccio amichevole a cui sono soggetti.

La carezza è sempre fonte di stress per il cane?

Se ha un comportamento remissivo, in generale, un cane coccolato può avvertire ansia e disagio, spostando lo sguardo, abbassando le orecchie e leccando in maniera compulsiva. Se invece il cane ha un carattere dominante, può percepire le coccole come un’aggressione, mostrando i denti, e, a volte, mordendo. I bambini piccoli, che difficilmente sanno valutare lo stato d’animo di un cane che incontrano, possono essere morsi nel tentativo di abbracciare, a volte con forza e sorpresa, l’animale. Alcuni cani invece non percepiscono le coccole di un essere umano come fonte di stress, e le ricevono ben volentieri.

Inoltre, c’è da dire che alcuni animali tollerano di più certe persone rispetto ad altre: più il legame di affetto tra un cane e il suo padrone è forte, più l’abbraccio sarà apprezzato da parte dell’animale. Tutto dipende dunque dal livello di conoscenza del carattere del proprio cane e dalla fiducia che si è riusciti ad instaurare con il nostro amico a quattro zampe.

Argomenti simili all'articolo che hai appena letto: