Vota questo Articolo

Abbiamo spesso avuto modo di riportare come la tecnologia, molte volte, prenda spunto dalla natura. Osservare il comportamento di animali e piante, infatti, può aiutare a perfezionare determinati dispositivi. E questo è proprio il caso di alcuni ricercatori della Stanford University, i quali stanno osservando e studiando i colibrì per migliorare le performance di volo dei loro droni.

colibri-droni-volo

La natura serve da spunto molte più volte di quanto non si pensi. Per realizzare dispositivi tecnologicamente avanzati, ad esempio. E proprio ad un progetto del genere stanno lavorando i ricercatori della Stanford University, i quali stanno studiando il volo dei colibrì per trarre spunti interessanti sul come miglioare i propri droni. I colibrì, soprattutto quelli della razza Calypte anna, infatti, hanno un metodo di volo praticamente perfetto: grazie alla potenza delle loro ali, infatti, riescono a rimanere fermi mentre sono in aria, cosa impossibile per tutti gli altri uccelli.

Il segreto della loro abilità pare doversi rinvenire nella snellezza delle ali, le quali, anzi, sono proprio le più sottili rispetto a quelle di tutti gli altri uccelli. Esse, infatti, nonostante la loro snellezza sono anche molto potenti, tanto da reggere il corpo in equilibrio mentre staziona in volo. L’idea dei ricercatori è, dunque, ispirare i propri droni al volo dei colibrì, ma anche alla loro capacità di destreggiarsi in ambienti particolarmente difficoltosi per volare.

Argomenti simili all'articolo che hai appena letto: