Vota questo Articolo

Alcuni scienziati hanno sperimentato un vaccino contro l’ebola su alcuni scimpanzè e gorilla, ottenendo dei risultati positivi. Secondo loro, dunque, la strada verso la vaccinazione potrebbe essere vicina, e non soltanto per gli animali, ma anche per gli uomini.

ebola-vaccino-sperimentato

Il virus dell’ebola è uno dei più pericolosi che può portare, anche oltre il 90% dei casi, alla morte. Scimpanzè e gorilla, in particolare, sono molto esposti a questo rischio in diverse zone dell’Africa: si conta che un terzo dei gorilla del mondo è stato ucciso proprio da questa infezione portando a classificare questi animali come una razza in via di estinzione. Anche gli esseri umani, però, sono esposti a questo rischio: il virus si espande, infatti, attraverso fluidi corporei e la carne di animali contagiati.

Per cercare di fermare questa infezione, degli scienziati hanno creato un vaccino prendendo parte del virus dell’ebola – già indebolito – e iniettandolo nel sangue di alcuni scimpanzè in cattività. Dopo l’esperimento, nessun animale ha avuto alcun tipo di sintomo riconducibile a questa infezione. Secondo gli studiosi, dunque, un vaccino contro l’ebola anche per l’uomo è possibile e potrebbe già essere realizzato anche se, a detta loro, a causa dei costi e della rarità di questo virus nelle zone sviluppate, esso non è ancora stato sviluppato.

Argomenti simili all'articolo che hai appena letto: