Questo uccello non conosce l’uomo. Ma lo riconosce tra mille.
5 (100%) 2 votes

Se la gazza e la cornacchia riescono a riconoscere i volti dell’uomo, è perché vivono in un habitat popolato da esseri umani? No, afferma un recente studio della Corea del Sud pubblicato sulla rivista scientifica Animal Cognition. Sulla base della ricerca del Dr. Won Young Lee e del suo team, lo Stercorario antartico (Stercorarius antarcticus) è altrettanto capace di riconoscere un individuo da un altro, pur non conoscendo l’essere umano.

L’habitat di questo uccello si trova sulla King George Island, a sud dello stretto di Magellano, dove l’attività umana è riassunta unicamente alle stazioni di osservazioni scientifiche. E’ qui che sono stati condotti gli esperimenti dei ricercatori della Corea del Sud: in un primo momento, lo stesso membro del loro team si è avvicinato a 7 diversi nidi, ogni settimana. Poi, in un secondo tempo, questo stesso ricercatore è tornato accompagnato da uno dei suoi colleghi coperto dalla testa ai piedi, ma con il volto scoperto, esattamente come lui. Ecco il risultato riprodotto in un breve video qui sotto:

Come potete vedere, entrambi i genitori hanno riconosciuto l’uomo sulla destra, identificato correttamente come il ricorrente disturbatore del loro nido, attaccandolo e ignorando il suo collega. Questo stesso comportamento è stato verificato tra i genitori di altri 6 nidi analizzati.

Secondo i ricercatori, si tratta di un riconoscimento facciale visivo di un individuo rispetto a un altro (l’odore non è uno strumento sufficiente a contrastare le difficili condizioni della Penisola Antartica). Una prova di capacità cognitiva superiore rilevata unicamente negli animali come il corvo, la gazza o l’usignolo, molto vicino agli esseri umani.

E’ davvero incredibile che gli Stercorari antartici, che operano in un ambiente senza umani, arrivino a riconoscerli dopo solo 3 o 4 precedenti incontri“, ha detto il Dr. Won-Young Lee. “Sembra abbiano delle innate elevate capacità cognitive“. Inoltre, lo Stercorario antartico può dimostrare di avere gli stessi comportamenti di altri uccelli “intelligenti”: come la gazza, può rubare il cibo di altri uccelli e può anche riuscire a bere il latte degli elefanti di mare, al posto dei loro piccoli. Uno stile di vita innovativo raggiungibile solo attraverso la capacità cognitiva.

Argomenti simili all'articolo che hai appena letto: