Forse li abbiamo sempre sottovalutati, ma, adesso, c’è un nuovo animale il cui cervello fa discutere, ed è un tipo di pesce. Esso è il Labidochromis caeruleus, e secondo nuovi studi ha una memoria davvero stupefacente, per essere un pesce: questa specie, infatti, riesce a ricordare per 12 giorni un cibo che ha mangiato. Questo pesce, grazie alla sua memoria, riesce dunque a ritornare in un posto dove ha trovato del cibo, il che lo rende particolarmente avvantaggiato rispetto gli altri simili.

pesce-memoria

Il pesce della specie Labidochromis caeruleus ha una caratteristica fuori dal comune: riesce a ricordare, per 12 giorni, dove ha mangiato un particolare tipo di cibo, tanto da riuscire a ritornare in quel luogo. Lungi dall’essere una caratteristica di poco conto, la sua lunga memoria pone in una situazione di vantaggio questa specie rispetto i suoi simili, in quanto, una volta che ha trovato del cibo commestibile, lontano da predatori, può tornarvi una seconda volta per rifocillarsi. Questo pesce, inoltre, osservano alcuni studiosi, tiene spesso anche dei comportamenti aggressivi, il che vuol dire che “ricorda” occasioni di fastidio.

Nella gerarchia degli animali intelligenti, i pesci si collocano di solito in una posizione non molto alta, ma, dopo lo studio condotto da alcuni ricercatori dell’Università MacEwan, in Canada, la concezione che abbiamo di questi animali non può che cambiare.

Argomenti simili all'articolo che hai appena letto:

Share and Enjoy !

0Shares
0 0 0