Il coleottero tigre è così veloce che diventa cieco
4.4 (88%) 5 votes

Vedere o correre, bisogna scegliere. Il coleottero, un insetto della famiglia dei Carabidae, ha chiaramente optato per la corsa. “Sono state rilevate velocità pari a 2,4 m/s, 120 volte la lunghezza di un insetto. In confronto, è come se un uomo di 1,70 m si muovesse a 734,4 km/h sulla superficie del suolo!”, spiega Benoît Gilles, biologo e autore di un blog di entomologia. Ciò che fa di questo insetto l’animale più rapido del mondo, rispetto alla sua grandezza.

Il contrario della medaglia è che, nonostante sia fornito di grandi occhi per una visione larga e precisa, le fasi di accelerazione sono talmente elevate che i fotorecettori posti nei loro occhi non possono captare a sufficienza, rendendo la visione offuscata. Risultato: la bestiola è obbligata a fermarsi in piena corsa qualche decina di millisecondi per vedere un po’ di luce attorno a sé, soprattutto quando caccia perseguendo le sue prede sul terreno.

Antenne sensoriali per “vedere”

Il coleottero utilizza le sue antenne come i ciechi si servono di un bastone. Degli studi pubblicati nel 2014 da due scienziati americani, Daniel B. Zurek e Cole Gilbert, hanno dimostrato che i coleotteri diurni compensano questa perdita di percezione visiva contando sulla sensibilità delle loro antenne che utilizzano per evitare gli ostacoli durante la corsa. Per riassumere: “In virtù della loro dimensione e del numero di fotorecettori, gli occhi consumano tantissima energia. In contropartita, conferiscono un’alta risoluzione visiva a delle frequenze elevate. Utilizzare successivamente il sistema visivo e le antenne fornisco un vantaggio in termini di consumo d’energia”.

Argomenti simili all'articolo che hai appena letto: