Se il maschio produce milioni di spermatozoi, la femmina possiede a sua volta un numero limitato di uova e quando è in gestazione non è più disponibile per la riproduzione. Tutto questo, combinato, trasforma le femmine in una risorsa scarsa, di difficile accesso e fonte di forte concorrenza tra i maschi della specie. In un articolo pubblicato sul sito The Conversation, Louise Gentle, docente alla Nottingham Trent University (UK) e specialista del comportamento animale, descrive cinque comportamenti più utilizzati dai maschi per sedurre le femmine.

1 – Essere eleganti

Le femmine sono generalmente attratte dai colori che possiedono i loro pretendenti. Ad esempio, il ragno pavone maschio (Maratus speciosus) solleva i lembi della parte posteriore del corpo (una sorta di “coda” simile a quella dei pavoni) rivelando un manto arcobaleno che utilizza per fare la corte. Normalmente, una così vasta palette è un handicap perché rende l’animale particolarmente visibile ai predatori. Ma se il ragno pavone maschio è dotato di una tale caratteristica, allora vuol dire che possiede dei buoni geni. E proprio questo patrimonio genetico fa si che la femmina lo scelga e acconsenta ad avere dei piccoli.

2 – Essere un buon musicista

Oltre all’attrazione visiva, Louise Gentle ci ricorda che l’udito permette una buona comunicazione “amorosa” tra maschi e femmine. Generalmente le femmine preferiscono i partner in grado di fare delle vocalizzazioni più lunghe, più forti, ma anche più complesse. Ad esempio, il Cordonbleu cyanocéphale (Uraeginthus cyanocephalus) utilizza una musica molto strana per attrarre un congenere, composta da canti e percussioni. Per produrre questo ritmo, i Cordonbleus fanno dei passi di danza ultra rapidi, invisibili a occhio nudo. In questa specie, anche le femmine producono questa melodia per sedurre i maschi.

4 – Essere un buon tuttofare


Gli animali possono anche provare a sedurre un congenere fabbricandogli un rifugio. Negli uccelli, i maschi decorano il nido che hanno costruito con delle pietre, con dei fiori o con delle bacche. Alcuni nidi possono essere abbelliti con dei pezzi di plastica, delle cannucce o anche con dei pacchetti di patatine rubati nelle costruzioni di altri maschi. Le femmine osservano i nidi e scelgono il loro partner in base alla qualità della costruzione. Negli uccelli della famiglia dei Tessitore, i nidi sono sono estremamente impressionanti e complessi. Ad esempio, il Tessitore di Baya (Ploceus philippinus) utilizza più di 1.000 steli di erba per costruire un rifugio che possa resistere al vento e alla pioggia. La femmina sceglie il nido secondo diversi criteri: deve essere alto, appeso su un ramo sottile ed essere in cima ad un terreno asciutto.

4 – Offrire un regalo


Nel regno animale, alcuni maschi fanno delle offerte alle femmine al fine di ottenere i suoi favori. Questi doni sono molteplici: si va dai materiali per fare il nido al cibo. In alcune specie di ragni, la femmina sceglie il maschio a seconda delle dimensioni della preda che le porta. Quando questa comincia a mangiare, il maschio coglie l’occasione per accoppiarsi.
Il maschio della mantide religiosa offre come ultimo dono se stesso. La femmina lo mangia durante o dopo l’accoppiamento al fine di rifornirsi delle sostanze nutritive. Secondo Louise Gentle, al termine dell’accoppiamento, il maschio non ha alcun ruolo da svolgere. Ma il suo sacrificio permetterà di nutrire la futura mamma e di contribuire così al benessere della prole.

5 – Essere furbi


Nel mondo animale ci sono molti modi di imbrogliare per arrivare alla riproduzione. Uno dei trucchi è quello di fingersi un membro del sesso opposto. Tra i Cavalieri combattenti (Philomachus pugnax), alcuni maschi possiedono lo stesso piumaggio e hanno la stessa morfologia delle femmine. Il loro aspetto gli permette di non subire attacchi violenti da parte di altri maschi più imponenti e più aggressivi. Confondendosi con le femmine, approfittano di ogni occasione per copulare con loro rapidamente.

Argomenti simili all'articolo che hai appena letto: