I cani hanno una maniera unica di vedere il mondo, e, a differenza di quanto si è sempre pensato, questa diversità non consiste nel fatto che essi lo vedono in bianco e nero. I cani, infatti, vedono i colori, anche se in una maniera che assomiglia a quella di chi è daltonico. Gli amici a quattro zampe, in particolare, hanno solamente due cellule per la distinzione dei colori, a differenza dell’uomo che ne possiede tre.

cani-daltonici

Ci è sempre stato detto che i cani vedono il mondo in bianco e nero, ossia non percepiscono i colori. Adesso, però, degli scienziati dell’Università di Washington, esperti nel modo in cui vengono visti i colori, spiegano che non è proprio così. I cani, infatti, possedendo due cellule per la distinzione dei colori riescono a percepirli, anche se, magari, in maniera parzialmente diversa dall’uomo.

Come affermato dagli scienziati, i cani sembra che vedano i colori come i daltonici. Essi, infatti, hanno qualche problema nella distinzione del rosso e del verde, e ciò a causa della mancanza della terza cellula visiva. Questi animali vedono il rosso come un marrone scuro, mentre il verde, il giallo e l’arancione sembrano tutti una sorta di giallino. Ciò che, invece, per l’uomo appare blu-verde, come il mare, per i cani è grigio, mentre il viola è visto come un blu.

Argomenti simili all'articolo che hai appena letto: