Come funziona la lingua del camaleonte?
5 (100%) 1 vote

La tecnica di caccia dei camaleonti è ben nota a tutti. L’animale resta di stanza in un luogo strategico fino a quando non arriva una preda di suo gradimento. A questo punto, il cacciatore dispiega l’immensa lingua, cattura la preda e la porta alla bocca per ingoiarla. Quest’arma fatale può sopportare una preda che pesa più di un terzo del peso del camaleonte, ed anche una lunghezza superiore due volte la dimensione dell’animale (come se un umano mangiasse 10 chili di hamburger e che, per trasportarli fino alla bocca, utilizzasse solamente la sua lingua).

Camaleonte

In un articolo pubblicato sulla rivista Nature Physics, alcuni ricercatori affermano che la saliva dei camaleonti è 400 volte più viscosa di quella degli esseri umani. Questo muco ultra-appiccicoso è prodotto sulla punta della lingua di questi rettili. Per capire perché la forza adesiva di questa sostanza scompare quando la preda viene ingerita, i ricercatori hanno depositato uno strato di saliva di un camaleonte velato (Chamaeleo calyptratus) su un piano inclinato (ved. figura sotto).

Esperimento

I ricercatori hanno fatto rotolare una palla sulla pista a differenti velocità. Hanno notato che più la palla scendeva velocemente verso il basso, più la saliva la tratteneva. In altre parole, più la palla rallentava, meno rimaneva incollata al muco. Gli scienziati pensano di poter confrontare questo risultato al movimento della lingua che effettua il camaleonte quando la dispiega a tutta velocità per catturare una preda e che poi riavvolge per deglutirla. Una volta che la lingua è “riavvolta”, la sua velocità è a zero. E il fenomeno di adesione cessa. A questo punto la preda si sgancia per essere consumata dal camaleonte.

Argomenti simili all'articolo che hai appena letto: