Vota questo Articolo

Quando le temperature estive sono elevate, vedere i nostri amici a quattro zampe con la loro pelliccia naturale è sufficiente a farci sudare… Ma come fanno a sopportare le alte temperature? In primo luogo, cani e gatti sono animali che si trovano anche nei paesi caldi. Essi sono quindi in grado di adattarsi a un clima corrispondente all’estate dei paesi temperati, tra cui l’Italia. Poi, è bene ricordare che la loro temperatura interna non è di 37 ° C come la nostra, ma 38-38,5 ° C.

La soglia di ipertermia nei cani e nei gatti è quindi più alta: non sussiste un colpo di calore prima che la loro temperatura interna non superi i 38,5° C (mentre negli esseri umani questo è già anormale). Infine, i nostri compagni a quattro zampe non conducono una vita attiva come noi: quando fa troppo caldo, cercano un posto relativamente fresco e riposano lì, tranquillamente. Ma, nonostante tutto, non sono immuni ai colpi di calore. Ecco alcuni consigli per evitarli, come riconoscerli e cosa fare in caso di emergenza.

Prevenire il colpo di calore

I nostri amici animali non disperdono il calore come noi: generalmente i cani quando sudano ansimano e i gatti lo fanno attraverso le zampe. Tuttavia, con l’arrivo delle temperature estive (superando notte e giorno i 20°C e raggiungendo regolarmente i 30-35° C), la loro termoregolazione è meno efficace. Hanno urgente bisogno di potersi riparare all’ombra e di idratarsi al massimo. Pertanto, dobbiamo fare in modo che sia sempre a loro disposizione una ciotola di acqua fresca, cambiandogliela frequentemente.

Preferire il cibo umido (in salsa), piuttosto che quello secco (crocchette), soprattutto per i gatti che tendono a bere di rado. Può aiutare somministrare il cibo nelle ore più fresche e non lasciare troppo all’aria il cibo umido che col caldo si deteriora facilmente. Per gli animali che tollerano meno il caldo, invece, non esitate a bagnarlo regolarmente o a posare un panno umido sul corpo. Infine, le attività devono essere limitate. Nessuna lunga passeggiata e nessuna corsa per Fido: un’uscita tranquilla in un luogo ombreggiato sarà sufficiente. E se dovete spostarvi in auto, aprite i finestrini o accendete l’aria condizionata. Soprattutto, non lasciate mai che il vostro animale domestico resti parcheggiato in una macchina, anche se è all’ombra.

Colpo di calore

“Alcuni dei nostri compagni sono particolarmente sensibili al colpo di calore, in particolar modo quelli che hanno problemi cardiaci e gli animali in sovrappeso, le razze brachicefale (bulldogs, carlini, boxer, persiani…), o gli animali con pelo fitto e/o scuro (ad esempio il terranova); quelli a muso corto respirano meno bene e iperventilano velocemente in caso di fatica o calore. Come negli esseri umani, gli individui più anziani e più giovani sono anche più vulnerabili perché meno idratati. Possiamo aiutarli offrendo loro un drink che amano tanto: il latte. Attenzione, però, a non abusare.

Al di là di una certa temperatura del corpo, si verifica un’insufficienza multiorganica rapidamente fatale. Se il vostro animale ha uno o più dei seguenti sintomi: respiro pesante persistente, debolezza, gengive rosso vivo o viola, stato alterato di coscienza, agitazione, contattate immediatamente il veterinario. Nel frattempo, ammorbidite il pelo dell’animale con acqua tiepida (l’acqua molto fredda blocca il fenomeno della sudorazione), avvolgetelo in un panno bagnato, offritegli da bere e guidate con i finestrini abbassati.

Argomenti simili all'articolo che hai appena letto: