Il mondo animale è bello perché é vario ed é ricco di specie che la maggior parte delle persone, neanche lontanamente, immagina della loro esistenza. Anche se questi animali non sono incroci genetici attuali, certamente il loro aspetto lo porta a pensare… Ecco una lista di 11 specie animali, davvero insolite, che vi permetterà di impressionare i vostri amici con la vostra conoscenza della fauna terrestre:

1. Formichiere + armadillo = pangolino

Formichiere-armadillo-pangolino

Questo mammifero, che ricorda l’armadillo (ma non ha nessuna parentela) prende il nome dalla parola malese “pengguling”, che significa grosso modo “qualcosa che si arrotola”. E’ nativo delle zone tropicali dell’Africa e dell’Asia. I Pangolini hanno il corpo completamente ricoperto di scaglie di cheratina, la stessa sostanza di cui sono composte le nostre unghie, queste scaglie sono sovrapposte l’una sull’altra e servono a protezione dell’animale fornendogli una corazza impenetrabile specialmente quando l’animale si arrotola avendo avvertito un pericolo (vedasi video sottostante), é l’unico mammifero con tale caratteristica. Il Pangolino é un notturno, vive sugli alberi e s basa su una dieta di formiche e termiti.

2. Tartaruga + riccio = armadillo

tartaruga-riccio-armadillo

Gli Armadilli, i cui gusci sono vere e proprie armature coriacee, vivono in tane sotterranee e sono noti perché possono dormire fino a 16 ore al giorno. Sono originari del Sud America, e si sono diffusi in altre parti dell’emisfero occidentale solo in tempi relativamente moderni. Il termine Armadillo è spagnolo e significa “piccolo corazzato”, ovviamente il termine fa riferimento alle sue placche ossee che coprono praticamente tutto il corpo di queste creature dall’aspetto davvero bizzarro.

3. Pipistrello + volpe = pipistrello della frutta o volpe volante

 pipistrello-della-frutta-volpe-volante

Diversamente dal pipistrello comune, il pipistrello della frutta o volpe volante non usa il radar per identificare gli ostacoli a breve distanza, ma piuttosto si basa sui suoi grandi occhi e sul fiuto del suo naso (organi che spiegano il suo muso molto simile ai mammiferi). La dieta di questi animali é basata sulla frutta e sui semi, sono quindi frugivori. Questo tipo di dieta, a cui si é adattata la specie, è teorizzato scientificamente come un adattamento alle regioni e ai periodi in cui sono diminuite le popolazioni di insetti. Il pipistrello della frutta, così come molte altre specie frugivore, é ecologicamente importante perché é un impollinatore o dispersore di semi per molte specie di alberi e piante…

4. Serpente + lucertola = lucertola Cinta Armadillo

Armadillo-cinto-lucertola

Questa incredibile lucertola si protegge arrotolandosi sino a formare una palla. E’ originaria del Sud Africa, e può vivere fino a 25 anni. La Lucertola Cinta ArmadilloArmadillo lizard (Cataphractus di Cordylus) ha una difesa che rende difficile la vita ai suoi predatori, si afferra la coda con la bocca e si arrotola fino a formare una vera e propria sfera, come potete vedere nella foto qui sopra. Le dimensioni della lucertola vanno dai 14 ai 20 cm di lunghezza ed il dimorfismo sessuale è poco accentuato, i maschi tendono ad avere una gola più gialla e i pori femorali più evidenti. I piccoli nascono verso fine estate ma solo 1 o 2 per femmina.

 5. Papera + castoro = ornitorinco

 anatra-castoro-ornitorinco

L’ornitorinco é acquatico, é un animale bizzarro perché la sua bocca é molto simile al becco della papera e la coda classica del castoro, inoltre le sue zampe sono molto simili alla lontra, sui talloni delle zampe posteriori ha degli speroni che pungono ed i maschi sono anche velenosi. E’ importante oggetto di studio nel campo della biologia evolutiva ed è simbolo di orgoglio in Australia, il suo habitat naturale.

 6. Giraffa + zebra = okapi

Giraffa-zebra-okapi

L’okapi, una specie purtroppo, in via di estinzione, è originario del Ituri Rainforest nella Repubblica Democratica del Congo. La caratteristica principale di questo animale é che possiede la marcatura a strisce classica della zebra ma l’animale é più prossimo alla giraffa anche se il collo é molto più corto, il resto del corpo é di colore marrone scuro. E’ un animale silenzioso, timido e solitario, ha una lunga lingua di colore blu estremamente flessibile, che appunto come la giraffa, serve a raggiungere le foglie sugli alberi.

7. Cane della prateria + armadillo = pichiciego

 Cane-prateria-armadillo-pichiciego

La creatura argentina, nota anche come il “Pink Fairy Armadillo” si è adattata alla vita nel deserto, esce solo al tramonto dalle lunghe gallerie che si é scavata. Il pichiciego ha un aspetto molto strano, ha un setoso pelo bianco giallastro ed un guscio osseo flessibile, inoltre é fornito di una coda a forma di spatola. I suoi arti anteriori sono dotati di robusti artigli, proprio adatti allo scavo, la sua bizzarra corazza é composta da 24 piastre cornee non del tutto ben saldate allo scheletro, tiene la coda prevalentemente piegata al di sotto del ventre per poi usarla per puntellarsi alle pareti dei tunnel.

8. Cervo + topo = chevrotain o cervo-topo

Cervo-topo-chevrotain-tragulus

Il chevrotain (in francese “piccola capra”) o cervo-topo è il più piccolo mammifero ungulato al mondo. E’ originario di Sumatra, nel Borneo, in altre isole malesi e indonesiane minori, nelle regioni meridionali di Myanmar e in Thailandia, nonché nella Penisola Malese. Questo tenerissimo esemplare é caratterizzato da una testa piccolina a forma triangolare da cui spicca un adorabile nasino nero molto appuntito e grandi occhioni neri. Le sue zampe sono lunghe e sottili, il suo corpo è tondeggiante. E’ dotato di un mantello il cui colore che varia dal grigio all’arancio. I suoi fianchi sono più chiari che scuriscono lungo il dorso, chiazze di pelo bianco spiccano sul collo, sul ventre, sul petto e sul mento. Il maschio si riconosce per la presenza di due piccole zanne (dei canini allungati) che spuntano dalla mandibola superiore.

9. Capra + elefante = saiga tatarica

Capra-elefante-Saiga tatarica

La saiga tatarica (una specie di antilope), una volta era diffusa dai Carpazi alla Cina e nel Nord America, ma ai giorni nostri é insediata solo in Russia e in Kazakistan. Il suo unico muso aiuta a filtrare la polvere sollevata dal gregge durante l’estate. In inverno, invece, riscalda l’aria gelida prima che questa giunga ai polmoni. L’animale é stato tradizionalmente una fonte di cibo per le popolazioni nomadi nelle regioni delle steppe eurasiatiche e della Mongolia. Il suo muso é davvero particolare, l’animale sembra sempre imbronciato ma il suo incredibile nasone (che potete ammirare nella foto che segue) é davvero fondamentale per la sua sopravvivenza.

Un'antilope saiga (Saiga tatarica)

Un’antilope saiga (Saiga tatarica)

10. Criceto + maiale = pipistrello bianco dell’Honduras

Criceto-maiale-pipistrello-bianco-Honduras

Il pipistrello bianco dell’Honduras é il cugino, ma molto più carino, del comune pipistrello, é caratterizzato da una bellissima pelliccia bianca nonché da tenerissime orecchie e un nasino di colore giallo. Questo piccolo esemplare ha la capacità di usare le foglie delle palme per trasformarle in vere e proprie tende rifugio, l’animale infatti é in grado di tagliuzzarle alla perfezione lungo le venature e formare una perfetta V. Queste foglie/tende, ove i pipistrelli bianchi dormono rannicchiati perfettamente al centro a testa in giù, aiutano a proteggerli da pioggia, sole e dagli attacchi dei predatori.

11. Maiale + calamaro = calamaro maialino

maiale-calamaro-maialino

Questa rarissima creatura vive in profondità nell’acqua in California e non ha alcuna relazione di sorta con il maiale. Il calamaro maialino é davvero un animale insolito, sul musetto ha stampato un tenerissimo sorriso tanto da sembrare un fotomontaggio che lo rende davvero unico. L’esemplare é grande come un’arancia ed il suo sorriso é formato da uno strato di pigmenti colorati che formano un perfetto “smile”. Si sa davvero poco sulle abitudine di questo particolarissimo calamaro, é stato individuato in California ad oltre cento metri di profondità ove riesce muoversi grazie alla luce fornita da due organi bioluminescenti posti dietro agli occhi.

Argomenti simili all'articolo che hai appena letto: