Gravidanza: quali alimenti evitare?
4 (80%) 1 vote[s]

Durante la gravidanza, i rischi associati al cibo sono molteplici. Affinché la crescita del bambino prosegua bene, è prudente evitare certi prodotti e seguire alcuni semplici consigli. E ‘importante fare attenzione all’alimentazione per ridurre il rischio di sviluppare infezioni che di solito non sono gravi, ma durante la gravidanza possono avere effetti negativi sul bambino. L’Istituto Nazionale per la Prevenzione e l’Educazione Sanitaria (INPE) raccomanda di prestare particolare attenzione a due infezioni: la listeriosi e la toxoplasmosi. Ne esistono anche altre, ma hanno un impatto minore.

43bm0051rf

Listeriosi

Si tratta di un’infezione batterica di origine alimentare che può avere gravi conseguenze nelle donne in gravidanza e neonati (aborto, parto prematuro o di infezione neonatale). E ‘causata dal batterio Listeria monocytogenes, che può svilupparsi nei nostri frigoriferi.

Toxoplasmosi

Infezione virale benigna, la toxoplasmosi può essere pericolosa per le donne incinte e per i loro bambini. L’infezione avviene principalmente attraverso il consumo di carne cruda o poco cotta, verdura e frutta contaminata o non adeguatamente lavata, e, in casi più eccezionali, quando l’acqua potabile è stata inquinata da parassiti. È anche possibile infettarsi attraverso il contatto diretto con i gatti, riserva naturale della toxoplasmosi.

Alimenti crudi: il pericolo dei batteri

Durante la gravidanza, alcuni cibi sono vietati. In effetti, la Listeria monocytogenes può contaminare e crescere anche a basse temperature, rendendo alcuni cibi refrigerati a rischio. Quindi, è meglio evitare di mangiare:
• formaggi morbidi come Camembert, Brie o Munster – soprattutto se sono realizzati con il latte crudo (una precauzione in più da prendere è quello di rimuovere la crosta da tutti i formaggi)
• alcuni prodotti a base di carne, come rillettes e paté
•,frutti di mare crudi, pesce crudo (sushi, surimi, Taramasalata) e pesce affumicato (salmone, trota), carne cruda o poco cotta
• alcuni prodotti lattiero-caseari come il latte crudo (allo stato naturale, appena munto).

Si noti che è meglio acquistare prodotti preconfezionati piuttosto che da taglio. Se si preferisce acquistatre alimenti da taglio, è bene che il venditore non utilizzi lo stesso utensile per il taglio di prodotti pastorizzati e prodotti a rischio.

Inoltre, se non siete immuni alla toxoplasmosi, dovete fare in modo di:

• non mangiare carne cruda o poco cotta
• evitare carni affumicate o in salamoia a meno che non siano cotte
• lavare accuratamente le verdure, la frutta e le erbe per rimuovere eventuali residui di terra in cui possono albergare parassiti.

Infine, un’altra precauzione è quella di lavarsi le mani prima di manipolare gli ingredienti e prima di ogni pasto (vedi video qui sotto, in inglese).

Argomenti simili all'articolo che hai appena letto: