Le varietà degli asparagi sono più di 200. Si distinguono soprattutto per aspetto, sapore e tipologia di coltivazione. Sul mercato si trovano le seguenti varianti: bianchi o di Bassano, violetti, verdi e selvatici. Gli asparagi appartengono alla famiglia delle Liliacee; sono di forma allungata, hanno una consistenza carnosa e un sapore piuttosto delicato che evoca quello del carciofo.

Asparagi

Come conservarli

Durano in frigorifero 4 giorni, nel cassetto della verdura, avvolti in un panno umido. Fuori dal frigorifero, si conservano con i gambi immersi nell’acqua fredda per 24 ore.

Come acquistarli

Per essere sicuri che gli asparagi siano freschi, al momento dell’acquisto bisogna osservare le punte: non devono essere piegate, ma belle dritte, devono essere chiuse, spezzandole devono scrocchiare. I gambi devono essere lucidi, duri, flessibili, dello stesso spessore e privi di screpolature.

Come pulirli

Occorre tagliare le estremità legnose dell’asparago e, a seconda del tipo, togliere la pelle bianca più dura con un coltellino affilato.

Proprietà e benefici

Gli asparagi sono ricchi di fibra, vitamine A, B1, B6, C, acido folico, amminoacidi, carotenoidi e sali minerali come calcio, fosforo e potassio. Contengono poche calorie, per questo sono particolarmente indicati nelle diete dimagranti. Hanno proprietà depurative e diuretiche, ma sono anche ricchi di acido urico, per cui è sconsigliato il consumo a coloro che soffrono di cistite, gotta e infiammazioni ai reni.

Argomenti simili all'articolo che hai appena letto:

Share and Enjoy !

0Shares
0 0 0