Acido salicilico: un ottimo effetto sulla digestione.
4 (80%) 1 vote[s]

Due studi, di cui uno italiano, dimostrano che l’acido salicilico contenuto negli alimenti ha un ottimo effetto sulla digestione, riduce l’infiammazione dopo il pasto e, con una dieta mirata, può prevenire le malattie cardiovascolari e i tumori del colon retto. Lo suggeriscono alcuni ricercatori inglesi, che si sono chiesti se l’elevato contenuto di salicilati delle spezie, molto usate in India, non sia collegabile con la bassissima incidenza di tumori del colon retto che si rileva in quelle popolazioni.

Frutta-e-Verdura_01

A sostenerlo è anche uno studio condotto da alcuni ricercatori dell’Università degli Studi di Milano, che hanno dato, a rotazione, a 26 volontari, un frullato di pesche (equivalente a due porzioni di frutta) o una soluzione acquosa contenente i soli zuccheri della frutta, riscontrando che, nel primo caso e solo nel primo caso, nell’ora successiva alla somministrazione, la concentrazione di acido salicilico in circolo quasi raddoppiava e si manteneva elevato anche dopo tre ore. Inoltre, dopo l’assunzione di frutta, i livelli di interleuchina 6 (un indicatore dell’infiammazione) aumentavano meno rispetto gli altri volontari.

Esempi di cibi con concentrazione alta (0.5 – 1 mg/gr) o molto alta (più di 1 mg/gr) di salicilati.

Verdura
Alta: broccoli, cetriolo, fave, spinaci, patate dolci.
Molto alta: champignon, funghi, peperone verde, radicchio, cicoria.

Frutta
Alta: mele “Granny Smith”, avocado fresco, uva rossa, mandarino fresco.
Molto alta: albicocche, more mirtilli, dattero, uva passa.

Semi
Alta: pinoli, pistacchio.
Molto alta: mandorle, arachidi.

Condimenti
Molto alta: origano, peperoncino piccante, rosmarino, timo, cannella, cumino, polvere di curry, aneto essiccato, curcuma, mostarda.

Però, attenzione alle allergie. Chi non può, per esempio, assumere aspirina può avere reazioni irritative. Di norma, salvo indicazione medica contraria, non è necessario eliminare del tutto le sostanze che contengono salicilati naturali, ma è indispensabile contenerne l’assunzione entro un limite accettabile.

Argomenti simili all'articolo che hai appena letto: